lunedì, Luglio 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaCos'è l'acido lattico e perché si forma

Cos’è l’acido lattico e perché si forma

Acido lattico, cos’è e perché si accumula

Ti sei mai chiesto cos’è l’acido lattico e perché si forma? Ecco tutto quello che c’è da sapere in merito e cosa fare se si prova dolore.

L’acido lattico è un composto chimico (formula CH3-CHOH-COOH) che si produce in seguito ad attività anaerobica dei muscoli. Con l’aumentare dell’intensità dell’attività fisica, la produzione aumenta di conseguenza. L’acido 2-idrossipropanoico è un acido carbossico. È un sottoprodotto del metabolismo anaerobico lattacido che è tossico per le cellule: un accumulo eccessivo provoca fatica muscolare.

Quanto acido lattico si produce ogni giorno? Secondo le stime, una persona adulta attiva ne produce 120 grammi (40 dai tessuti con metabolismo anaerobio, come retina e globuli rossi, mentre il restante è prodotto da altri tessuti come ad esempio il tessuto muscolare).

Perché si accumula l’acido lattico?

Quando i muscoli sono in attività, il corpo richiede energia e l’ossigeno non basta più. Si forma un accumulo di idrogeno, che viene eliminato proprio da questo composto che viene a formarsi, così da permettere ai muscoli di continuare a lavorare avendo nuova energia.

L’acido lattico passa dai muscoli al sangue e quindi al fegato. Quando la quantità prodotta è eccessiva e non viene smaltita correttamente, in quel momento proviamo affaticamento muscolare e talvolta anche dolore.

Cos’è l’acidosi metabolica e quale dieta seguire

Non solo l’attività fisica causa una produzione eccessiva di acido lattico. Tra le cause ricordiamo:

  • diabete
  • Aids
  • cirrosi epatica
  • anemia
  • alcuni tipi di tumore
  • insufficienza respiratoria
  • abuso di alcolici
  • malattie genetiche mitocondriali
  • terapie farmacologiche con anti iperglicemizzanti

Sintomi

I sintomi che si provano quando si accumulano quantità eccessive di questo composto sono i seguenti:

  • fatica
  • bruciore
  • dolore muscolare

Dopo l’accumulo di questa sostanza, potremmo avere meno energie e non riuscire più a fare attività sportiva. I tempi di ripresa sono diversi a seconda dell’allenamento delle persone e della quantità di acido lattico prodotto. Se i sintomi durano per più di uno o due giorni, forse è meglio chiedere consulto a un medico, perché dietro quei segnali potrebbero nascondersi altri disturbi.

Foto di kinkate da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews