martedì, Luglio 27, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieBarcellona torna a ballare: in 5mila al primo concerto dell'era Covid.. "Per...

Barcellona torna a ballare: in 5mila al primo concerto dell’era Covid.. “Per tutti tamponi rapidi e mascherine: tra 14 giorni capiremo”

Musicisti sul palco, riflettori che inondano l’arena e 5.000 fan che ballano: la musica dal vivo e’ tornata a Barcellona per una sperimentazione clinica che cerca modi sicuri contro la pandemia per gli eventi di massa. “Questo e’ solo per una notte, quindi godetevelo”, ha detto un presentatore all’Arena Saint Jordi pochi minuti prima dell’inizio del concerto di una delle band piu’ popolari della Spagna, i Love of Lesbian. Prima della festa, tutti sono stati sottoposti a screening di massa e test antigenici, tutti hanno indossato mascherine FPP2 per partecipare al concerto che arriva dopo un anno senza precedenti di confinamento, allontanamento sociale e pochissima interazione sociale.

Barcellona, in cinquemila si scatenano al primo concerto rock dell’era Covid

video “>

video /photo/2021/03/27/763528/763528-thumb-rep-consecrtotototo.jpg” width=”316″ height=”178″/>

Dietro l’evento c’e’ un gruppo di promotori di musica e festival e un ospedale locale che dicono che le misure di sicurezza, che includono uno speciale sistema di ventilazione, lo rendono uno spazio piu’ sicuro dell’interno di una casa privata.

Durante la mattinata, le piste da ballo di tre nightclub di Barcellona chiusi da tempo sono state trasformate in ospedali da campo improvvisati con infermiere in blu che effettuano test antigenici all’interno di recinti di tela bianca – e i risultati in 10 minuti.

Quando una persona risultava negativa, il pass d’ingresso scaricato su un’applicazione sul suo telefono veniva convalidato. L’unico altro requisito era quello di indossare una maschera FPP2 all’interno del locale. “Ci aspettiamo che sia completamente sicuro. Nei prossimi 14 giorni vedremo quanti spettatori risulteranno positivi al Covid e faremo un rapporto”, ha spiegato Josep Maria Llibre, un medico dell’ospedale tedesco Trias i Pujol a nord di Barcellona.

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews