giovedì, Aprile 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaI frutti della primavera scuola primaria

I frutti della primavera scuola primaria

Insegnare i frutti della primavera ai bambini che vanno alla scuola primaria? Niente di più semplice. Basterebbe solo portarli in giro per i banchi del mercato per vedere sbucare le prime fragole. Questo è sicuramente il luogo nel quale, con un colpo d’occhio, è possibile ammirare gran parte dei frutti che la primavera ci regala. L’arrivo di una nuova stagione – che in questo caso è una delle più attese – costituisce sempre una buona occasione per insegnare nuove cose ai propri bimbi e, magari, anche per introdurre nella loro dieta qualcosa che, magari, prima snobbavano.

I frutti della primavera per i bambini della scuola primaria

Oggi purtroppo è fin troppo semplice trovare gli stessi frutti in ogni momento dell’anno, ma insegnare ai bambini il concetto di stagionalità e di rispetto della natura può passare anche attraverso l’apprendimento di quali sono i frutti naturalmente reperibili da marzo a giugno.

Quali sono i frutti della primavera

E’ importante che i bambini inizino a familiarizzare con il concetto di frutta di stagione fin dall’infanzia anche per una questione di salute. Insomma: questa è ricca di sostanze nutritive degne di nota e delle quali approfittare per il proprio benessere. E’ vero che oggi come oggi è possibile trovare le fragole in pieno inverno, ma questo perché – così come altre specie vegetali – si possono coltivare in serra o perché possono essere conservate nelle celle frigorifere. Ma, per promuovere quel legame autentico dell’uomo con la natura , sarebbe bene spiegare ai bimbi come sia preferibile consumare la frutta e la verdura solo nel loro naturale periodo. I frutti della primavera sono:

  • arance
  • limoni
  • mandarini
  • pompelmi
  • fragole
  • kiwi
  • albicocche
  • ciliegie
  • nespole
  • meloni

Per completare la spiegazione, potete accompagnare i concetti appena esposti con dei disegni dei frutti della primavera da colorare e, magari, spiegare man mano quali sono le caratteristiche di ognuno. La ciliegina sulla torta (è proprio il caso di dirlo), sarebbe mangiarla contestualmente: perché non ricorrere ad uno di questi frullati?

Photo | Pixabay

Iscriviti alla nostra newsletter

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews