domenica, Maggio 16, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaWu Lien-teh, l'inventore delle mascherine chirurgiche

Wu Lien-teh, l’inventore delle mascherine chirurgiche

A Wu Lien-teh, di cui oggi Google celebra l’anniversario della nascita con un doodle, dobbiamo un’invenzione che continua a essere quanto mai attuale e di uso quotidiano. Wu Lien-te, infatti, inventò una copertura per il viso che viene considerata il precursore delle mascherine chirurgiche. Anzi, per la sua efficacia, nella descrizione pubblicata da Google per la ricorrenza, questa copertura viene paragonata addirittura alle mascherine N95 (o FFP2).

Primato. Wu Lien-teh è nato a Penang, nell’odierna Malesia, il 10 marzo del 1879, in una famiglia di immigrati cinesi; studiò medicina e fu il primo studente di origine cinese a farlo all’Università di Cambridge.

Dopo il dottorato fu nominato vice direttore del China’s Imperial Army Medical College nel 1908. E quando, nel 1910, un’epidemia fino ad allora sconosciuta si diffuse nella Cina nord-occidentale, il governo cinese lo incaricò di indagare sulla malattia, che Wu Lien-teh identificò come peste polmonare, una malattia infettiva di origine batterica altamente contagiosa che si diffondeva da uomo a uomo attraverso la trasmissione respiratoria.

Mascherine e isolamento. Proprio per combattere la malattia, Wu Lien-teh ideò, e produsse lui stesso, una speciale mascherina chirurgica impiegando cotone e garza, aggiungendo strati di tessuto per filtrare le inalazioni, invitando la popolazione a indossarla. Non solo: collaborò con i responsabili del governo per realizzare strutture di isolamento dove i malati potessero osservare periodi di quarantena, per mettere a punto tecniche di sterilizzazione e altre misure di prevenzione come la limitazione nei viaggi .

Le indicazioni da lui proposte contribuirono notevolmente alla fine della pandemia (che fu poi chiamata “peste della Manciuria”) che si ottenne nell’aprile del 1911.

Candidato al nobel. Un risultato che, diversi anni dopo, nel 1935, gli valse la nomina per il premio Nobel in medicina e fisiologia. Il Nobel fu poi assegnato al tedesco Hans Spemann, ma era la prima volta che veniva nominato un cittadino malese (e nemmeno a una persona di origine cinese era mai accaduto prima).

Ancora oggi a Wu Lien-teh viene riconosciuto un ruolo fondamentale nella pratica e nello sviluppo del progresso medico, in Cina e nel resto del mondo.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews