giovedì, Maggio 6, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotiziePiù vaccini che contagi. Usa, il grande sorpasso

Più vaccini che contagi. Usa, il grande sorpasso

 YORK <SC2001,8212> Più vaccinati che contagiati. Sì, l’America è al giro di boa e dopo aver mantenuto a lungo il triste primato di Paese con più positivi al mondo (29.746.138), qui il numero di immunizzati supera finalmente quello di chi ha contratto il virus. Sono 31,3 milioni i già pienamente vaccinati, il 18,1 per cento della popolazione. Cui aggiungere i 61 milioni che hanno ricevuto almeno la prima dose, per un totale di 92,1 milioni di parzialmente protetti, un terzo degli aventi diritto.

S’intravede la fine del tunnel: e infatti il Cdc, Centro per la prevenzione malattie, ha diffuso le prime linee-guida per chi ha completato l’iter, ammettendo tra immuni visite e abbracci senza mascherine. Intanto, l’America galoppa con 2,17 milioni di sieri somministrati ogni giorno: aiutata pure dalla prima fornitura Johnson&Johnson arrivata venerdì, il monodose che, sommato a Pfizer e Moderna, sta permettendo a grandi città come New York 100mila inoculi al giorno fra anziani, persone con patologie, personale sanitario, ristoratori e lavoratori del servizio pubblico, con nuove categorie aggiunte ogni settimana.

Usa, sì del Senato alla manovra di Biden: 1900 miliardi di dollari per vaccini, famiglie, scuola e disoccupati

dal nostro corrispondente

Federico Rampini

06 Marzo 2021

Uno sforzo enorme, ottenuto mantenendo aperti 24 ore su 24 gli spazi adibiti a vaccini di massa. Spesso, con l’aiuto dell’esercito: il Pentagono ha infatti messo a disposizione 6.253 uomini da affiancare ai volontari della protezione civile, organizzando due tipologie di gruppi: “Team 1”, squadre con 222 membri fra soldati, graduati e medici provenienti da tutti i corpi, pronti a vaccinare seimila persone al giorno. E “Team 2”, 139 militari capaci di servire fino a tremila persone. Venticinque di queste squadre sono dispiegate in California, New Jersey, Texas, New York, Virgin Islands, Pennsylvania, Florida, Illinois e Carolina del Nord.

Proprio uno dei team gestisce logistica e vaccini al centro congressi Javits, nel cuore di Manhattan, aperto notte e giorno, la cui trasformazione, per i newyorchesi è simbolica. Un anno fa era stato il primo spazio riconvertito in ospedale Covid del Paese: un centro d’emergenza per i casi più gravi, davanti al quale ci si faceva il segno della croce per i tanti furgoni refrigerati parcheggiati fuori ad accogliere i corpi dei troppi morti. Ora invece ti salutano decine di cartelli luminosi: «Complimenti, stai per fare il vaccino Covid».

Vaccini, alta tensione tra Ue e produttori. Von der Leyen: più consegne o export bloccato

dal nostro corrispondente

Alberto d’Argenio

09 Marzo 2021

Agli early birds — chi sceglie la scomoda fascia oraria dell’alba — si regala perfino un barattolo del miele prodotto sul tetto, nei suoi celebri alveari urbani. All’iniezione si accompagna la consegna di un adesivo con Lady Liberty e la scritta: «I am vaccinated» da ostentare con fierezza. E c’è pure un selfie corner, l’angolo delle foto: incoraggiate perché, ormai è dimostrato, spingono gli altri a vaccinarsi. Lo conferma il Washington Post: nella comunità afroamericana, dove un mese fa i restii erano il 35 per cento, l’esempio di leader politici e religiosi locali sta convincendo molti. Nei quartieri difficili sono partiti programmi per immunizzare a domicilio. Mentre tutti gli over 65 possono vaccinarsi in farmacia.

Coronavirus nel mondo, la Cina lancia passaporto vaccinale. Negli Usa sì agli incontri per i vaccinati

09 Marzo 2021

Resta il problema dei no-vax: secondo un sondaggio di Kaiser Family Foundation, lo zoccolo duro è fra i sostenitori di Trump: il 28 per cento degli elettori repubblicani è deciso a non vaccinarsi e un altro 18 per cento è scettico. Numeri così alti da minare, potenzialmente, l’immunità di gruppo. Pure Donald e Melania Trump si sono vaccinati: ma in privato, senza dare l’esempio, e per questo duramente criticati dal capo dell’Istituto nazionale per le malattie infettive Anthony Fauci. Sì, l’America è al giro di boa. Ma resta ancora molto da fare.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews