giovedì, Aprile 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCultura7 segnali da non sottovalutare

7 segnali da non sottovalutare

Dipendenza da esercizio fisico: 7 segnali da non sottovalutare

Dipendenza da esercizio fisico: 7 segnali da non sottovalutare per capire se effettivamente ne siamo “affetti”.

La dipendenza da esercizio fisico – nota anche come exercise addiction – non è un disturbo mentale ufficiale (non è, infatti, ancora inserita nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali). Tuttavia, non solo il legame tra esercizio compulsivo e disturbi dell’alimentazione va spesso di pari passo, ma tale situazione psicologica è stata definita come una “dipendenza comportamentale”. Sebbene alla dipendenza da sport sia legata una lunga serie di indizi, ecco 7 segnali che potrebbero confermarne la presenza.

7 segnali che denotano l’ossessione da sport

Dipendenza da esercizio fisico: 7 segnali da non sottovalutare

Per chi soffre di dipendenza da sport , il fitness diventa prioritario. Piano piano comporta un peggioramento delle relazioni interpersonali e della propria vita sociale senza contare, ovviamente, le ripercussioni negative sulla salute. Ecco alcuni sintomi che possono aiutarci a riconoscerlo.
  • Allenarsi per compensare i pasti o le parti del corpo che non piacciono. Allenarsi spesso per punirsi di aver mangiato o pr eliminare un determinato “difetto” fisico non è mai un buon indizio.
  • Frequentare assiduamente la palestra. Andare in palestra 3-4 volte la settimana per non più di due ore a volta può essere accettabile. Non lo è se lo si fa ogni giorno e per almeno 3 ore ogni volta.
  • Sentirsi sempre stanchi. Affrontare la palestra in maniera sbagliata può portare a sentirsi costantemente stanchi, spossati o anche stressati.
  • Modificare i propri piani in base al programma di allenamento. Quando la palestra condiziona la nostra vita sociale non è mai un buon segno. Annullare appuntamenti di lavoro o semplicemente di svago per allenarsi può essere sintomo di ossessione.
  • Rivolgersi con sentimenti negativi nei confronti dell’allenamento. Se parole come “obbligo” e “senso di colpa” fanno parte del nostro  lessico legato alla sfera del fitness, stiamo sbagliando qualcosa. L’obiettivo dello sport , infatti, è semplicemente quello di sentirsi meglio.
  • I propri progressi rallentano. Questo può accadere quando ci si ritrova a saltare costantemente i giorni di riposo, giungendo nella pericolosa zona del sovrallenamento.
  • Immagine distorta del proprio corpo. L’immagine che abbiamo del nostro corpo non cambia neanche dopo ore e ore di allenamento. Ciò che si vede è sempre una versione non realistica di se stessi. Della quale, quindi, non ci accontenteremo mai.
  • Via | healthline.com

    Photo | Pixabay

    Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

    YouGoNews