mercoledì, Maggio 12, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMusicaWillie Peyote, scuse su Instagram, Renga, Ermal Meta, Aiello- Soundsblog

Willie Peyote, scuse su Instagram, Renga, Ermal Meta, Aiello- Soundsblog

Dopo la finale del Festival di Sanremo 2021, alcune dichiarazioni di Willie Peyote avevano suscitato e provato polemiche. Al centro delle parole del cantante, in gara con “Mai dire mai (La locura)”, Ermal Meta e Francesco Renga. In merito al primo, aveva criticato la scelta di cantare “Caruso” nella serata delle cover, il 4 marzo scorso, data del compleanno del cantautore, Lucio Dalla:

“Io cedevo il primo di Ermal che non se lo merita per niente (…) Stasera, ti devo dire la verità, stai cantanto Caruso il giorno del compleanno di Lucio Dalla ed è già una scelta ruffiana, per conto mio. Annalisa, in confronto, è il vulcano dell’Etna in eruzione. L’accusano di essere algida… Cantata bene! Non ho idea del perché sia successa questa classifica…”

Successivamente, aveva bocciato l’esibizione di Francesco Renga, adducendo che  “Francesco Renga ha cag@to sul microfono” e che “a un certo punto sembrava Aiello“

E, come riportato dai colleghi di TvBlog, nelle scorse ore sono arrivate le scuse di Willie Peyote, attraverso Instagram:

Ci tenevo a mettere il punto su determinate questioni che sono venute negli ultimi giorni giorni, ho lasciato passare un attimo perché mi sembrava più opportuno essere lucido. Ci tengo a specificare che, però, con i diretti interessati mi sono già fatto vivo domenica mattina, appena sono stati resi pubblici i video del programma su Twitch, con alcuni ho già chiarito, con altri spero di farlo nei prossimi giorni. Ovviamente mi rendo conto che alcune frasi non sono propriamente delle uscite felici ed è quindi giusto che quando dici una minchiata la gente te lo faccia notare. So di essere una testa di caxxo e di essermi lasciato sfuggire, tra l’altro con le parole peggiori possibili, determinati commenti che potevo risparmiarmi. Sono stati detti nell’ambito di un programma con amici, comici, che voleva commentare Sanremo con un fare piuttosto goliardico, come se fossimo a casa, per alleggerire un po’ la tensione del Festival visto da dentro e da fuori contemporaneamente. Però mi rendo conto che questo non vuole essere una giustificazione, più che altro contestualizzare la cosa.

Poi, ammettendo che in alcuni casi, il microfono dovrebbero spegnerlo a lui, ha assicurato di fare più attenzione, in futuro, sulle sue uscite.

Quello che è giusto fare è assumersene le responsabilità come ho fatto e come cercherò di fare sempre. E quindi niente. Perdonatemi.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews