sabato, Maggio 8, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareI succhi salvano la stagione delle arance. Ma aumenta la dipendenza dall’estero

I succhi salvano la stagione delle arance. Ma aumenta la dipendenza dall’estero

Serviziofrutta

Secondo Ismea «campgna avara di soddisfazione per i produttori». Il passivo della bilancia commerciale aumenta anche a causa della domanda destagionalizzata

di Emiliano Sgambato

default onloading pic(siculodoc – stock.adobe.com)

Secondo Ismea «campgna avara di soddisfazione per i produttori». Il passivo della bilancia commerciale aumenta anche a causa della domanda destagionalizzata

2′ di lettura

Quella delle arance quest’anno è «una campagna complicata e fino ad ora avara di soddisfazioni per gli agricoltori». Il raccolto è previsto in crescita del 25-30% ma prevalgono le piccole dimensioni, mentre «solo il prodotto medio-grande spunta quotazioni soddisfacenti per i produttori». Risulta così importante «il ruolo svolto dall’industria dei succhi che, dopo l’azzeramento delle scorte dovuto a due campagne con scarsi raccolti, ritira e lavora ingenti quantitativi di arance, soprattutto frutti medio-piccoli, alleviando in tal modo la pressione dell’offerta», abbondante anche per l’incremento della produzione mediterranea.

Questo ha determinato una flessione dei listini all’origine rispetto alla campagna 2019/20 «sulle principali piazze e per le varietà più importanti».È il quadro tracciato da un report redatto da Ismea che sarà diffuso lunedì.

Loading…

Sulla domanda pesano le chiusure di bar e ristoranti che coprono circa il 20% delle vendite all’ingrosso. Ma il dettaglio (da ottobre 2020 a gennaio) registra segnali positivi, anche per il trend che privilegia gli acquisti di frutti ricchi di vitamine e antiossidanti: «gli acquisti di prodotto confezionato nei punti vendita della Gdo – si legge nel report – evidenziano un aumento dell’11% su base annua e di circa l’8% rispetto al dato medio del triennio precedente. L’incremento riguarda anche il prezzo di vendita e quindi la spesa, rispettivamente +3% e +14%».

Nel consuntivo 2019-2020 aumenta il rosso per la bilancia commerciale – negativa da ormai 20 anni – a circa 60 milioni di euro, «conseguenza del record delle importazioni, oltre 223 milioni di kg, e dell’aumento del prezzo medio all’import (+27%)». Oltre che nella destagionalizzazione dei consumi e nella forte domanda durante il lockdown (soddisfatta da Spagna ma anche da Grecia e Egitto), le cause sono anche nei «problemi strutturali che zavorrano lo sviluppo del settore». In particolare, secondo Ismea, «l’eccessiva frammentazione (la dimensione media delle aziende è di 2,5 ettari) e gli impianti poco moderni e razionali determinano una minore produttività, una scarsa resistenza alle fitopatie (in particolare al virus della Tristeza) e un calendario di raccolta più breve rispetto ai nostri diretti competitor».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews