sabato, Maggio 8, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaI clienti diventano sempre più selettivi e Framesi punta tutto su unica...

I clienti diventano sempre più selettivi e Framesi punta tutto su unica collezione per il 2021

Strategie della pandemia

L’azienda di prodotti professionali per capelli l’anno scorso ha registrato un calo del fatturato del 14%, ma ha tenuto sul fronte della redditività grazie a una oculata razionalizzazione dei costi

di Marika Gervasio

default onloading pic

L’azienda di prodotti professionali per capelli l’anno scorso ha registrato un calo del fatturato del 14%, ma ha tenuto sul fronte della redditività grazie a una oculata razionalizzazione dei costi

4′ di lettura

«In azienda, abbiamo adottato tutte le procedure ed i dispositivi richiesti dalla legge: dalle mascherine ai gel disinfettanti, dal riciclo dell’aria alla sanificazione degli ambienti. Una parte di questi, da noi, erano già in vigore prima della pandemia, quindi si è sostanzialmente trattato di un’integrazione del sistema. Riguardo ai saloni, Framesi ha aggiunto alla propria offerta i dispositivi di protezione individuale, sia per il team professionale che per la clientela (gel, mascherine, visiere, camici), oltre a apparecchiature per la sterilizzazione degli strumenti e degli ambienti. Ci siamo anche occupati dell’elaborazione delle linee guida per la gestione di norme, protocolli e strumentazioni. In sintesi, abbiamo messo a disposizione dei saloni sia l’hardware che il software per affrontare la situazione con la massima sicurezza, efficacia ed efficienza». La pandemia non ha fermato Framesi, azienda di prodotti professionali per capelli, che si è messa al lavoro fin da subito per poter continuare a operare in sicurezza, come racconta il suo presidente Fabio Franchina che specifica.

«Parlando di redditività, grazie ad una fortissima ed oculata razionalizzazione dei costi, abbiamo tenuto testa alla situazione -. Riguardo il fatturato, registriamo un calo del 18% a livello globale, sul mercato italiano -14%. Nel mondo, il settore ha mediamente perso il 24%. Troppi saloni chiusi per troppo tempo, ovunque: è inevitabile che il risultato sia questo». Quanto all’export, «per noi rappresenta il calo maggiore -. Oggi è ancora difficile fare delle previsioni. È un fenomeno mondiale dove tutto è ancora troppo fluido. La Cina ha reagito meglio perché ha un sistema politico compatto, per usare un eufemismo. Ma non ha certo superato tutte le ripercussioni Covid, nemmeno sul mercato interno. La Cina poi rimane sicuramente uno dei mercati del futuro anche se per il beauty è molto complesso entrare. Le formulazioni che rientrano nei loro parametri spesso includono ingredienti praticamente impossibili da reperire, di contro alcuni principi ampiamente diffusi da noi non rientrano ancora nei loro standard di valutazione».

Loading…

Riguardo all’impatto della pandemia sui consumi, l’imprenditore spiega che «la pandemia ha portato delle novità che resteranno anche dopo che ne saremo usciti. Per prima cosa un maggior uso della tecnologia sia per la comunicazione che per la gestione operativa. Chi prima del Covid aveva poca dimestichezza col mondo digitale, per esempio, ha imparato ad usarlo e difficilmente smetterà di farlo.Il secondo aspetto, forse ancor più importante, è l’ottimizzazione del tempo che significa una migliore organizzazione del lavoro, ma anche e soprattutto, un più grande rispetto per la cliente.La scansione del tempo è diventata una variabile fondamentale. Sia per il professionista, che è ormai obbligato a lavorare su appuntamento secondo rigorosi criteri, sia per la cliente che vive il tempo dal parrucchiere con una modalità nuova: ci va meno per servizi come la piega, ma quando decide di dedicare tempo ai suoi capelli e al suo look, lo fa con un numero di servizi maggiore».

Cambiano le abitudini di consumo e le esigenze, anche dal parrucchiere. «Oggi la domanda è per qualità e sicurezza – continua il presidente -. Si va dal parrucchiere per ricevere servizi di qualità, nel pieno rispetto della salute oltre che per essere più belli. Ma questo valeva anche prima. Nel 2020 siamo stati tra i pochi gruppi che hanno mantenuto fede ai loro programmi con la presentazione di due collezioni.Quest’anno abbiamo anche noi accolto la consapevolezza, ampiamente condivisa dalla moda in generale che il consumatore oggi è particolarmente selettivo: sceglie la qualità e le tendenze che meglio si associano al suo stile personale. Non è un concetto scontato, significa meno consumismo ed una corretta valutazione dei megatrend in base agli stili dei diversi cluster di consumatori. E noi abbiamo interpretato questa evoluzione della moda , lavorando ad un’unica collezione per il 2021 dove, pur rispettando il concetto di “ moda ”, abbiamo enfatizzato il concetto di stile ».

Non solo. L’azienda ha rinforzato anche l’approccio ai social. «Nei confronti degli acconciatori, attraverso l’uso dei social e delle diverse piattaforme per dialogare con loro – spiega Franchina -. Basti pensare che durante il primo lockdown abbiamo organizzato oltre 300 incontri online di diversa entità. Abbiamo creato poi una nuovissima piattaforma di e-learning, Framesi Education, rivedendo completamente tutte le modalità della nostra offerta formativa per dare al parrucchiere percorsi aggiornati, personalizzati, in linea con le nuove esigenze.Verso il consumatore finale, che è l’utenza dei saloni nostri clienti, abbiamo creato nuovi strumenti di consultazione con un’ampia library di tutorial per l’uso delle linee di trattamento o finishing&styling».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews