mercoledì, Aprile 14, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieGenova, multa da 5mila euro al venditore abusivo di mimose: colletta nel...

Genova, multa da 5mila euro al venditore abusivo di mimose: colletta nel quartiere

Il quartiere di Molassana è insorto per la multa di 5mila euro fatta dalla polizia municipale questa mattina a un ambulante di origini marocchine mentre vendeva mimose per strada non lontano dalla rotonda del ponte Fleming. Tra le persone, che a decine si sono riunite per evitare che l’uomo venisse multato, tanta incredulità e senso di ingiustizia. Nel quartiere infatti è molto ben voluto, da 25 anni in Italia a Molassana lo conoscono tutti, e molti gli lasciano ogni giorno il caffè pagato al bar, raccontano alcuni commercianti della zona.

 

Non è servita però né la protesta degli abitanti, né le lacrime dell’uomo a intenerire le forze dell’ordine e fermare la multa: «Capisco che non sia legale vendere senza autorizzazione, ma quest’uomo non ha mai fatto male a nessuno e non chiede mai nulla. Potevano anche solo avvisarlo, segnalargli di non vendere per strada, ci sono modi e modi per dire a una persona di non fare una cosa. Invece gli hanno sequestrato tutte le mimose, è anche arrivata una volante di rinforzo, e fatto una multa di 5 mila euro per vendita senza licenza». Per le persone una misura troppo sproporzionata: «In giro ci sono tanti delinquenti e cose che non vanno su cui intervenire veramente, e loro fanno una multa a un pover uomo ben voluto da tutti e che non chiede mai niente a nessuno». L’uomo ora ha paura e teme che gli tolgano il permesso di soggiorno. Nel quartiere è già iniziata una raccolta per aiutarlo a pagare la multa e ognuno gli sta dando un piccolo contributo.

Dal distretto IV fanno sapere che l’8 marzo – come i giorni intorno a Capodanno per i botti o la domenica prima di Pasqua per le palme – ci sono interventi mirati contro i venditori abusivi. La pattuglia intervenuta si è trovata di fronte a un episodio di vendita senza autorizzazione, quindi in violazione della legge regionale sul commercio, che prevede una sanzione fissa di cinquemila euro. «E’ chiaro che bisogna tutelare le attività commerciali in regola», commenta il presidente del municipio IV Roberto D’Avolio. «Ma in questo caso una multa da 5mila euro nei confronti di una persona che non potrà mai pagare non ha risolto nulla. Solo l’umiliazione in mezzo alla strada di una persona ben integrata nel quartiere».

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews