lunedì, Aprile 12, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareGelato ipocalorico e probiotico, al via la sperimentazione con il latte di...

Gelato ipocalorico e probiotico, al via la sperimentazione con il latte di pecora

In sardegna

Nei laboratori dell’Agrisun al via un progetto per un gelato innovativo con pochi zuccheri e ricco di acidi grassi omega-3, fonte di proteine e di fibre

di Davide Madeddu

default onloading pic(AdobeStock)

Nei laboratori dell’Agrisun al via un progetto per un gelato innovativo con pochi zuccheri e ricco di acidi grassi omega-3, fonte di proteine e di fibre

2′ di lettura

Dal latte di pecora il gelato a basso contenuto calorico. È il prodotto innovativo realizzato dai laboratori tecnologici dell’Agris, l’Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura e alcune aziende casearie sarde. La sperimentazione, che rientra nell’ambito del progetto cluster “Contaminazioni: formaggi freschi al gusto di Sardegna”, ha riguardato la preparazione di un “gelato funzionale” a base di latte ovino. Nella formulazione studiata nei laboratori Agris di Bonassai «gli ingredienti proteici sono stati dosati incrementando il contenuto di sieroproteina».

Come edulcorante è stato utilizzato l’eritritolo, in sostituzione parziale dello zucchero, «che ha permesso di ridurre il valore energetico complessivo e il carico glicemico del prodotto». Si è ottenuto così un gelato meno calorico di quelli tradizionali presenti sul mercato (circa 140 kcal per 100 grammi) e meno glicemizzante. E un gelato probiotico «che soddisfa le indicazioni nutrizionali previste dai Regolamenti Ue». Ossia un alimento «ricco di acidi grassi omega-3, fonte di proteine e di fibre, caratteristiche si mantengono inalterate durante tutto il periodo di conservazione».

Loading…

«I ricercatori di Agris stanno ponendo grande attenzione allo studio di prodotti innovativi che contribuiscono al mantenimento della salute, i prodotti funzionali, che sono in genere rappresentati da yogurt e latti fermentati, ma sono realizzati prevalentemente con latte vaccino – dice Gabriella Murgia assessore regionale all’Agricoltura –. Quelli realizzati a partire dal latte ovino risultano invece poco o per niente diffusi, almeno sul mercato nazionale. Sarebbe strategico per le aziende sarde poter disporre di prodotti funzionali realizzati con latte di capra o pecora, che possono conquistare una fetta di mercato e soddisfare anche quella fascia di consumatori intolleranti ad alcune sostanze contenute nel latte vaccino».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews