giovedì, Aprile 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaDivorzio: come ha cambiato la famiglia italiana

Divorzio: come ha cambiato la famiglia italiana

50 anni

Tra le ricerche più cliccate su Google, in Italia e in riferimento al divorzio, oggi, compare: “Crescere figli felici dopo un divorzio”. Ecco il dilemma.

di Giusy Rosamondo

default onloading pic(Gettyimages)

Tra le ricerche più cliccate su Google, in Italia e in riferimento al divorzio, oggi, compare: “Crescere figli felici dopo un divorzio”. Ecco il dilemma.

3′ di lettura

Oggi, a distanza di cinquant’anni ci si chiede se l’introduzione del divorzio abbia raggiunto il suo obiettivo, cioè modernizzare l’Italia, gli italiani e il matrimonio italiano.

Sicuramente il divorzio ha permesso di avere una scelta, giusta o sbagliata che sia, rappresentata dall’opportunità di esprimere la propria libertà di azione.

Loading…

Ricontrattare un patto

Non vi è più la rassegnazione verso una vita segnata da valutazioni sbagliate, ma l’opportunità di ricontrattare un patto e scioglierlo al bisogno, attivando di fatto la coppia a mantenere alta la motivazione iniziale. Il divorzio sembra rappresentare oggi più uno strumento di uscita da crisi dovute, non ad un patto coniugale in cui i ruoli rigidi creano problemi, ma a fattori stressanti ambientali che non si riescono a fronteggiare. E’ pur vero che il convincimento di poter sciogliere con facilità l’unione porta anche a scelte istintive e poco ragionate, per cui ci si sposa con la stessa facilità con cui si può divorziare, creando dinamiche familiari difficili in cui le spese le fanno soprattutto eventuali figli.

L’emancipazione femminile

Con l’emancipazione femminile le donne iniziano a lavorare e questo cambia radicalmente gli equilibri domestici. Le boomers sono quelle che hanno subìto di più le conseguenze di tali sconvolgimenti: se volevano entrare nel mondo del lavoro, dovevano comunque provvedere alla casa e ai figli in maniera esclusiva. Il divorzio ha rappresentato uno strumento per risarcire queste donne bioniche da un carico troppo gravoso per essere sostenuto nel lungo periodo.

Oggi, a 50 anni dalla legge sul divorzio, l’assetto della famiglia è profondamente cambiato: si lavora entrambi e i ruoli sono versatili. Anche un padre può occuparsi dei figli e della casa, nella logica della collaborazione. Infatti lavori precari e instabili, molto più presenti, richiedono un profondo adattamento per entrambi i partner.Inoltre ciò che fa spesso pensare al divorzio è vedere il matrimonio diventare la tomba dell’amore quando l’abitudine e la routine, fatta di questioni emergenti, hanno il sopravvento. Ma se ci si ritaglia del tempo, attenzioni e interesse per l’altro, il divorzio può non servire.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews