domenica, Aprile 11, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareCarne dannosa e allevamenti inquinanti? È bufera sulle dichiarazioni del ministro Cingolani

Carne dannosa e allevamenti inquinanti? È bufera sulle dichiarazioni del ministro Cingolani

zootecnia

Produttori e associazioni di categoria difendono il settore, tra i meno impattanti a livello mondiale, dopo le dichiarazioni del ministro per la Transizione ecologica contro l’agricoltura intensiva

di Giorgio dell’Orefice

default onloading pic(© FLPA/Wayne Hutchinson)

Produttori e associazioni di categoria difendono il settore, tra i meno impattanti a livello mondiale, dopo le dichiarazioni del ministro per la Transizione ecologica contro l’agricoltura intensiva

4′ di lettura

È bufera nel settore delle carni per le recenti dichiarazioni del ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. Lo scienziato al vertice del nuovo dicastero che avrà un ruolo chiave nella gestione delle risorse del Recovery Plan è intervenuto nei giorni scorsi alla “Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile”. E nel proprio intervento non ha risparmiato critiche all’universo della zootecnia e in particolare alle diete basate sul consumo di carne.

«L’agricoltura intensiva pone problemi – ha spiegato Cingolani –: ci ha consentito di vivere più a lungo ma ha comportato una notevole alterazione dell’ecosistema. La soluzione non è fermare il progresso, ma neppure fare quello che si vuole».
«Sappiamo – ha aggiunto Cingolani – che chi mangia troppa carne subisce degli impatti sulla salute, allora si dovrebbe diminuire la quantità di proteine animali sostituendole con quelle vegetali. D’altro canto, la proteina animale richiede sei volte l’acqua della proteina vegetale, a parità di quantità, e allevamenti intensivi producono il 20% della CO2 emessa a livello globale. Modificando la nostra dieta, avremo invece un co-beneficio: miglioreremmo la salute pubblica, riducendo al tempo stesso l’uso di acqua e la produzione di CO2».

Loading…

Dichiarazioni che hanno rapidamente innalzato un polverone di polemiche soprattutto nella filiera delle carni italiane a giudizio di molti evocata ingiustamente e altrettanto ingiustamente assimilata ad altri modelli zootecnici.

«Il ministro Cingolani – ha detto il consigliere delegato di Filiera Italia e che è anche presidente di Assocarni, Luigi Scordamaglia – anche per il suo importante contributo dato al precision farming ed all’utilizzo dei big data in agricoltura sa bene che il modello agroalimentare italiano è profondamente diverso da quello massificato di altri Paesi e che l’agricoltura e l’allevamento italiano sono tra i più sostenibili al mondo rappresentando una soluzione e non un problema rispetto alle sfide da lui sollevate». Scordamaglia a sostegno delle proprie tesi ha snocciolato alcuni numeri. «Secondo i dati Fao, produrre un kg di carne bovina in Italia – ha aggiunto – comporta appena un quinto delle emissioni di Co2 rispetto allo stesso Kg di carne prodotto in Asia o Usa. E anche la quantità di acqua necessaria per produrre lo stesso kg di carne in Italia è pari a 1/20 di quella usata in altri Paesi. Senza dimenticare che la zootecnia in Italia incide inoltre per appena il 5,6% delle emissioni (report Ispra), contro livelli globali ben più alti. Tutte informazioni che il ministro Cingolani ben conosce e che saremo felici di approfondire illustrando gli ulteriori progetti di modernizzazione delle filiere agroalimentari italiane finalizzate a renderle sempre più modello globale di riferimento».

«Le prime affermazioni del ministro della Transizione ecologica – ha commentato Giuseppe Pulina, Ordinario di Zootecnica Speciale presso il Dipartimento di Agraria dell’Università di Sassari e presidente dell’associazione Carni Sostenibili – lasciano quantomeno sconcertati. Le affermazioni rese in veste di ministro della Repubblica non possono basarsi su pregiudizi o su posizioni sposate da una parte della comunità scientifica, ma respinte da una consistente altra parte (si veda fra tutte la posizione di Accademia Georgofili). Dalle dichiarazioni del ministro emerge l’abnorme sovrastima delle emissioni di gas climalteranti da parte delle filiere intensive delle carni che, a detta dello stesso, rappresentano il 20% delle globali. La Fao stima l’incidenza di tali emissioni (riferite a tutta la zootecnia, carne, latte e uova) al 14,5% su scala globale e mentre l’Ispra le stima al 5,2% per l’Italia. Per cui il solo settore carni, escludendo latte e uova, si colloca sotto il 10% nel primo caso e sotto il 4% nel secondo. Il ministro, inoltre – ha detto ancora Pulina – dà per scontato che il consumo di carne sia nocivo, senza riflettere sul fatto che gli italiani (popolazione di cui dovrebbe occuparsi) si collocano agli ultimi posti fra i paesi sviluppati per il consumo annuale reale con 36,8 kg a testa e che uno studio del Global Burden Disease ha classificato ‘l’eccessivo’ consumo di carni rosse all’ultimo posto fra i fattori alimentari di rischio di mortalità e perdita di vita utile».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews