mercoledì, Aprile 14, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareFederalimentare: consumi food&beverage colpiti come gli altri dalla pandemia

Federalimentare: consumi food&beverage colpiti come gli altri dalla pandemia

ristoranti chiusi

Il presidente Vacondio: consumi in calo del 10% a causa delle crollo del fuori casa; il settore, tradizionalmente anticiclico, ha bisogno di sostegno

di E. Sg

default onloading pic(photopixel – stock.adobe.com)

Il presidente Vacondio: consumi in calo del 10% a causa delle crollo del fuori casa; il settore, tradizionalmente anticiclico, ha bisogno di sostegno

2′ di lettura

L’ottimo andamento delle vendite al dettaglio e dell’export dell’agroalimentare nell’anno del Covid e in un contesto di pesanti segni meno per il manifatturiero, fa spesso dimenticare il danno causato al comparto dalla chiusura di ristoranti e bar. Una nota di Federalimentare sottolinea invece come dai dati Istat emerga che i consumi nazionali «si allineano al segno meno di quelli generali e il settore del food & beverage, da sempre anticiclico rispetto al totale industria, si ritrova a chiudere il 2020 in negativo».

Segnano infatti 225 miliardi i consumi alimentari complessivi del 2020, con un taglio del -10,1% sui 250,4 miliardi del 2019. «Un dato da cui possiamo trarre due considerazioni: la vicinanza di questo taglio a quello accusato complessivamente dai consumi nazionali aggregati (-11,8%) – dichiara Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare – e il peso che, in questa cifra, occupa il settore della ristorazione. È infatti il calo del 35% del fuori casa (da 85 miliardi si passa quindi a 55 miliardi) a dare il colpo di grazia ai consumi interni».

Loading…

«Uno scenario per nulla roseo – continua Vacondio – ma annunciato. Fin dai primi momenti della pandemia, quando l”afflusso nei supermercati spingeva molti a considerazioni ottimistiche sul settore alimentare, abbiamo detto che si trattava di una lettura errata e ora i numeri complessivi ci danno ragione: anche il settore alimentare è stato colpito, proprio come gli altri, dalla pandemia. È chiaro che al primo posto resta comunque la salute di tutti, ma è importante, vista l’anticiclicità che il settore ha sempre dimostrato, che il governo dia il giusto valore al comparto e in particolare al settore della ristorazione»

«Basta aiuti a pioggia, dunque: servono aiuti economici mirati – è la conclusione – a quei settori che possono rialzarsi dalla pandemia e diventare una risorsa per il rilancio del Paese. Quello della ristorazione, come anche il food and beverage in generale, ha dimostrato di essere tra questi».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews