sabato, Maggio 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMusicaMatteo Lippi ovvero la difficoltà d’essere tenore

Matteo Lippi ovvero la difficoltà d’essere tenore

lirica

Uno dei giovani tenori italiani più interessanti e apprezzati a livello internazionale si racconta nell’intervista

di Grazia Lissi

default onloading picIl tenore Matteo Lippi

Uno dei giovani tenori italiani più interessanti e apprezzati a livello internazionale si racconta nell’intervista

3′ di lettura

Nel suo cuore ci sono Alfredo, Rodolfo, Riccardo, Pinkerton, Mcduff. Matteo Lippi, uno dei giovani tenori italiani più interessanti e apprezzati a livello internazionale, ha recentemente interpretato il protagonista de “La Traviata” al Teatro Comunale Pavarotti di Modena, nell’ambito delle manifestazioni “Modena per Luciano”.

In questi giorni avrebbe dovuto debuttare come Macduff in “Macbeth” alla Bergen National Opera, in un nuovo allestimento che vedeva impegnato un altro grande artista italiano nel ruolo del titolo, Roberto Frontali. La produzione è stata cancellata per vari casi di Covid che hanno riguardato un Paese e un teatro sino ad ora poco colpito dalla pandemia.

Loading…

Matteo Lippi è atteso ancora come Alfredo nei primi mesi del 2021 al Bolshoi. Genovese, classe 1984, una voce ricca di colori, la dizione perfetta, Matteo Lippi sa che la sua agenda si sta riempendo di date «Durante la clausura per l’emergenza sanitaria ero preoccupatissimo per il lavoro, adesso attendo con pazienza i nuovi impegni, bisogna sempre guardare l’orizzonte».

Cosa significa, per lei, interpretare Alfredo?

«L’ho cantato in 150 rappresentazioni in tutto il mondo, a Modena ha assunto un significato particolare, il Teatro di Mirella Freni e Luciano Pavarotti».L’opera è stata in forma di concerto. «Non è semplice mettere in scena l’amore, la morte senza poter tradurre in gesti i sentimenti che agitano il protagonista. L’obbligo giustissimo del distanziamento ti porta a cercare un’intensità anche nei movimenti su cui prima non avevo pensato, lavoro molto sull’interiorità del personaggio».

Quando ha scoperto di avere una bella voce?

«Quando me l’hanno detto, a 16 anni avevo due miti, Freddie Mercury e Alex Baroni, cantavo pop, rock ma ero lontano dalla lirica. Qualche anno dopo durante una serata ho interpretato brani di Frank Sinatra e una simpatica novantenne, esperta di voci, mi ha detto “Lei diventerà un gran tenore”. Mi sono ricordato che mio nonno materno aveva una splendida voce tenorile, la guerra gli aveva impedito di intraprendere la carriera; nella mia famiglia si parlava tanto di questo passato. Ho deciso che sarei stato il primo cantante lirico di casa e ho iniziato a studiare canto seriamente».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews