mercoledì, Maggio 12, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieUber, la Corte Suprema britannica ha deciso: gli autisti sono dipendenti

Uber, la Corte Suprema britannica ha deciso: gli autisti sono dipendenti

LONDRA. Gli autisti di Uber devo essere considerati dipendenti a tutti gli effetti. Così ha deciso stamattina la Corte Suprema di Londra, per quella che è una sentenza che potrebbe fare scuola, per lo meno in Regno Unito. Per il massimo tribunale del Paese, gli autisti del colosso californiano di “taxi low-cost” sono infatti impiegati a pieno titolo e quindi hanno diritto a ferie pagate, malattia e un salario minimo. Tutte cose sinora non previste per i lavoratori di Uber in quanto si viene pagati a prestazione, come in molte altre branche della cosiddetta “gig economy”, vedi i rider delle consegne a domicilio. 

 

“Respingiamo l’appello di Uber”, ha dichiarato il giudice George Leggatt, “per la legge inglese è necessario fornire certe protezioni a individui vulnerabili che hanno poco o per nulla potere nelle trattative riguardo le loro condizioni di lavoro”.

 

 

Si tratta di una rivoluzione per il modello Uber, che sinora non aveva mai riconosciuto tali diritti ma considerato il lavoro dei suoi autisti come semplici prestazioni occasionali. Il caso è nato da una denuncia di due autisti nel 2016, cui la giustizia britannica ha sempre dato ragione, a tutti i livelli, Corte Suprema inclusa oggi, nonostante i molti ricorsi di Uber. Oltre a essere una sentenza che cambierà decisamente il business del gigante californiano, avrà certamente un impatto anche dal punto di vista economico: il Regno Unito per Uber è uno dei principali mercati, con 60mila autisti, o meglio “impiegati” da oggi, e di questi 45mila a Londra.

 

Non solo. Uber è anche implicata in un’altra causa legale a Londra per ragioni di sicurezza dei clienti e mesi fa ha fatto appello contro un’altra sentenza sfavorevole nei suoi confronti che ne limitava fortemente la licenza sul suolo britannico, cosa che aveva fatto piacere a molti tassisti “ufficiali”. Qualora anche questa decisione venisse confermata, il futuro di Uber in Regno Unito potrebbe dunque essere fortemente in bilico. 

 

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews