giovedì, Aprile 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieIstituti tecnici post diploma, il rilancio si ispira alla Germania

Istituti tecnici post diploma, il rilancio si ispira alla Germania

Draghi punta sull’istruzione tecnica . E sorprende. È stato un cavallo di battaglia di un suo predecessore, Romano Prodi. Ma è la prima volta che l’argomento finisce in un discorso programmatico alla voce Scuola. E che vengono citati gli Its, gli istituti di istruzione superiore. Dietro c’è l’impronta del neoministro Patrizio Bianchi, che li ha tenuti a battesimo da assessore regionale in Emilia-Romagna. Sono percorsi post-diploma ai quali già Conte aveva riservato un miliardo e mezzo nel Recovery Plan e che Draghi ha confermato in Senato: si tratta di «20 volte il finanziamento di un anno normale pre-pandemia. Senza innovare l’attuale organizzazione di queste scuole, rischiamo che quelle risorse vengano sprecate».

Scuola, la rivincita degli istituti tecnici nel discorso di Draghi: “Pilastro dell’istruzione”. I presidi: “Ora più risorse”

di

Ilaria Venturi

18 Febbraio 2021

Lo sguardo è al modello tedesco e francese, mentre in Italia i percorsi professionalizzanti arrancano. Gli Its, che in Germania raccolgono più di mezzo milione di studenti, da noi contano poco più di 16 mila iscritti. Nati nel 2010, sono 645, soprattutto al Nord, gestiti da 104 Fondazioni, in settori come le nuove tecnologie, il Made in Italy, la mobilità sostenibile, l’energia e il turismo. «Bisogna lavorare per aumentare i posti, investire in strutture e rivedere la normativa», osserva Gaudenzio Garavini dell’Associazione degli Its in Emilia-Romagna. Anche perché la domanda supera l’offerta, conferma Domenico Servello, preside dell’Istituto tecnico Malafarina di Soverato (Catanzaro), dove è avviato un Its in Informatica: «Dà vere prospettive di lavoro».

Più in generale fa sobbalzare i presidi il fatto che si dia attenzione alla cultura tecnica , dopo anni di licealizzazione dell’istruzione superiore secondaria e di crisi soprattutto dei professionali, istituti in continuo calo di iscritti. Ora il governo accende i riflettori sul biennio post diploma degli Its che hanno un’occupabilità dell’82,6% entro sei mesi. Draghi spinge l’acceleratore, ricorda che è stimato in circa 3 milioni, nel quinquennio 2019-23, il fabbisogno di diplomati di istituti tecnici nell’area digitale e ambientale. Edoardo Soverini, esperto di orientamento, conosce bene il sistema tedesco: «Lì trovi maestri d’arte delle loro specialità che affiancano i docenti teorici. Noi non abbiamo ancora fatto un salto culturale per ridare alla cultura tecnica dignità e prestigio».

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews