mercoledì, Maggio 12, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaUnicef: una famiglia su 3 non ha potuto sostenere la DaD

Unicef: una famiglia su 3 non ha potuto sostenere la DaD

Unicef, famiglie e DaD durante il lockdown. La pandemia Covid-19 ci ha messo di fronte a tutti i limiti della vita solo online. Sono venute a mancare le certezze di una routine ben radicata e su cui tutti facevano affidamento. La vita dei bambini è stata stravolta durante il primo lockdown nazionale. Ed è per questo motivo che in questi mesi si è tentato di tutto per tenere aperte le scuole.

L’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e l’Unicef hanno raccolto i dati sull’impatto del lockdown in Italia. È emerso che una famiglia su 3 non ha potuto sostenere la DaD, non è riuscita ad aiutare gli studenti e ad avere le attrezzature necessarie.

Unicef, famiglie e DaD

Unicef, famiglie e DaD

Dal rapporto Unicef emerge che il 27% delle famiglie non ha tecnologie adeguate e il 30% dei genitori non ha tempo sufficiente per seguire la didattica a distanza dei figli. Inoltre il 6% degli studenti con accesso a internet non ha connessione adeguata per l’apprendimento a distanza. Inoltre i ragazzi hanno passato davanti allo schermo 4 – 5 ore in più rispetto a prima.

Un dato incoraggiante invece è che il 70% dei genitori si è reso conto che i figli sono diventati più autonomi nell’uso della tecnologia digitale per la scuola.

Quando l’emergenza Coronavirus ci ha costretti a stare a casa e a prendere decisioni severe, tutte le conseguenze ci sono crollate addosso. Scuole chiuse e bambini a casa, didattica a distanza e lavoro in smart working, ci siamo dovuti adattare in pochi giorni a delle vere e proprie rivoluzioni.

I disagi sono tanti ma credo che le scuole e il governo abbiano fatto il massimo durante l’emergenza. Sono stati forniti tablet e computer, connessioni a internet e tutto il supporto possibile. Le dinamiche familiari, purtroppo, cambiano tanto di casa in casa, anche in base al tipo di impiego. Chi aveva più tempo poteva certamente aiutare di più i bambini, ma chi si è ritrovato a lavorare da casa ha subito il contraccolpo in prima persona.

La didattica a distanza, con pregi e difetti, è stata un salvagente a cui tutti si sono dovuti adattare, perché non c’erano alternative. I ragazzi e i bambini hanno avuto difficoltà e questo è innegabile. Ha contribuito tanto però anche la volontà di voler studiare e seguire le lezioni da parte dei bimbi. Ma anche quel minimo di attenzione e di controllo da parte dei genitori di assicurarsi che i figli abbiano fatto il loro dovere.

Speriamo che si possa superare questo periodo buio e complesso nel più breve tempo possibile, che la campagna vaccinale vada avanti e che ognuno di noi possa tornare alla propria vita.

via | huffingtonpost

Iscriviti alla nostra newsletter

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews