mercoledì, Aprile 14, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMusicaMorto Chick Corea, gigante del piano jazz che inventò la fusion

Morto Chick Corea, gigante del piano jazz che inventò la fusion

Servizioaveva 79 anni

Colonna del Quintetto perduto di Miles Davis, fondò i Return to Forever che univano jazz, rock e psichedelia. Le sue ultime parole? «Continuate a suonare»

di Francesco Prisco

default onloading picChick Corea è morto a 79 anni per una rara forma di tumore (Afp)

Colonna del Quintetto perduto di Miles Davis, fondò i Return to Forever che univano jazz, rock e psichedelia. Le sue ultime parole? «Continuate a suonare»

3′ di lettura

Il jazz fino agli anni Sessanta del Novecento è arte sublime di neri e creoli. Jelly Roll Morton, Louis Armstrong, Charlie Parker, improvvisazione che si fa stile di vita. Il jazz dagli anni Sessanta in avanti è lingua meticcia parlata ovunque. E, quando la parli, non esiste più nero, bianco, norvegese o indiano: John Coltrane, Joe Zawinul, Jan Garbarek o Trilok Gurtu, tutti concittadini di una patria ideale, proprio come non esisteva più «né giudeo né greco», dopo l’avvento del cristianesimo. Protagonista assoluto della stagione «ecumenica» del jazz era Chick Corea, morto a 79 anni d’età, tante cose ancora da dire.

Il messaggio d’addio ai fan

Calabrese del Massachusetts, allievo prediletto di Miles Davis (quello che, per capirci, il jazz ecumenico lo inventò), quando lo guardavi non capivi mai bene dove finiva lui e dove cominciava il suo pianoforte. Personalità musicale smisurata, quella di Corea, uomo di talento rarissimo che se ne va a causa di una rara forma di cancro. «Era un marito, un padre e un nonno amato, ed era un mentore e un amico per molti», si legge nella nota che ne annuncia la scomparsa. «Tramite il suo lavoro e i decenni trascorsi in tour per il mondo, ha toccato e ispirato la vita di milioni di persone», prosegue il comunicato che contiene anche un messaggio dello stesso Corea per i suoi fan e per i suoi amici musicisti.

Loading…

Mi auguro che coloro che hanno sentore di poter scrivere, suonare e fare performance lo facciano. Se non lo fate per voi stessi almeno fatelo per noi

Chick Corea

«Voglio ringraziare tutti coloro che durante il mio viaggio mi hanno aiutato. Mi auguro che quelli che hanno sentore di poter scrivere, suonare e fare performance lo facciano. Se non lo fate per voi stessi almeno fatelo per noi. Il mondo non solo ha bisogno di più artisti, è anche molto divertente», ha lasciato detto ai suoi appassionati. Dagli amici musicisti si è invece congedato dicendo: «È stata una benedizione e un onore imparare e suonare con tutti voi. La mia missione è sempre stata quella di portare la gioia del creare ovunque ho potuto, e averlo potuto fare con tutti gli artisti che ammiro è stata la ricchezza della mia vita».

L’ideologo della fusion

Dici Chick Corea e pensi alla fusion che definire sottogenere del jazz è un mezzo abuso: la fusion è una pentola magica dentro la quale, tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio dei Settanta, qualche impavido sperimentatore metteva a bollire jazz, rock, psichedelia, persino funk. Un mondo nel quale la tecnica strumentale è importantissima, ma non essenziale. Perché va bene la velocità con cui fai le scale, ma sono le pause tra una nota e l’altra a commuovere il pubblico. Il piano Rhodes di Chick Corea è monumento nazionale per chi abita questo mondo. E molti inni di questa terra portano la sua firma: Spain e 500 Miles High, certo, oppure La Fiesta.

C’era una volta il «Quintetto perduto» di Miles Davis

Corea è stato un pilastro del cosiddetto «Quintetto perduto» di Miles Davis, supergruppo messo in piedi alla fine degli anni Sessanta dal genio di In a silent way per esplorare i nuovi territori della controcultura: un’avventura militante in cui, oltre alla tromba del band leader e al Rhodes di Chick, c’erano Wayne Shorter al sax, Dave Holland al basso e Jack DeJohnette alla batteria. Senza contare che ogni tanto, ai ragazzi, si univa come organista un certo Keith Jarrett. Ciascuno di loro, di lì in poi, avrebbe avuto una storia che avrebbe cambiato la storia. Se volete sentire Corea ai tempi di Miles, potete scegliere per esempio tra Black Beauty: Live at the Fillmore West e Miles Davis at Fillimore: Live at the Fillmore East.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews