sabato, Maggio 8, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturala consulta stabilisce che è un "retaggio patriarcale"

la consulta stabilisce che è un “retaggio patriarcale”

L’attribuzione “automatica” del cognome paterno ai figli dovrebbe essere rivista. Ciò è quanto la Corte Costituzionale ha stabilito in merito ad un dubbio costituzionale a riguardo. La questione che la Consulta ha dovuto trattare è quella relativa alla questione di legittimità costituzionale del primo comma dell’art. 262 del Codice civile. In particolare, sulla parte che, in mancanza di diverso accordo dei genitori, impone l’acquisizione alla nascita del cognome paterno, (non prevedendo quello di padre e madre).

Cognome paterno: la consulta stabilisce che è un

Cognome paterno, la sua attribuzione andrebbe rivista

L’interrogativo che la Consulta si è posta è se l’accordo dei genitori sul cognome da dare al figlio possa rimediare o meno alla disparità fra di loro visto che, come per legge, ad oggi prevale quello del padre. Una sentenza del 2006 aveva già definito il sistema di attribuzione del cognome paterno ai figli “retaggio di una concezione patriarcale della famiglia e di una tramontata potestà maritale, non più coerente con i principi dell’ordinamento e con il valore costituzionale dell’uguaglianza tra uomo e donna“.

E l’ordinanza n. 18 depositata ieri, 12 febbraio 2021, lo riconferma riportando tra le motivazioni quella stessa sua pronuncia  e facendo riferimento ad una sentenza europea del 2014. La stessa sentenza che giudicava già allora discriminatorio il sistema legislativo italiano che non permetteva l’uso del doppio cognome. Quello della madre ha la stessa dignità di quello del padre dunque, il privilegio che attribuisce la priorità  a quello del papà non ha motivi per restare in piedi e andrebbe rivisto. Si tratterebbe di una piccola grande rivoluzione.

Cosa dice l’art. 262 del Codice Civile

Il primo comma dell’articolo 262 del Codice Civile recita testualmente:

Il figlio [naturale] assume il cognome del genitore che per primo lo ha riconosciuto. Se il riconoscimento è stato effettuato contemporaneamente da entrambi i genitori il figlio [naturale] assume il cognome del padre.

Via | Ansa

Photo | Pixabay

Iscriviti alla nostra newsletter

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews