mercoledì, Aprile 14, 2021
Disponibile su Google Play
HomeViaggiAccordo Mibact-Ispra: nasce il museo del patrimonio geologico italiano

Accordo Mibact-Ispra: nasce il museo del patrimonio geologico italiano

È stata firmata dal direttore generale Musei del ministero per i Beni e le attività culturali e per il Turismo, Massimo Osanna, e dal direttore generale dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, Alessandro Bratti, la convenzione per la valorizzazione museale delle collezioni geologiche e storiche del Servizio geologico d’italia.

La direzione generale musei ha identificato il museo delle civiltà come l’istituto autonomo del Mibact più adatto per storia, caratterizzazione, missione, competenza tecnico-scientifica e struttura organizzativa a operare direttamente per la valorizzazione di tali collezioni in un museo che faccia parte del sistema dei musei del Muciv e che sia gestito d’intesa e in collaborazione con l’Ispra. In particolare, la convenzione, che avrà una durata di dieci anni, prevede il riallestimento delle collezioni del servizio geologico d’Italia in un museo permanente chiamato Museo di geopaleontologia italiana ‘Quintino Sella’, finalizzato alla fruizione e valorizzazione delle collezioni e dei contenuti, secondo progetti comuni di comunicazione, didattica e ricerca.

La storica sede del Museo Geologico Agrario in via Santa Susanna, Roma 

L’Ispra conserva e gestisce il patrimonio geologico e storico del Servizio eologico d’Italia, costituito da un ingente numero di reperti: oltre 100mila di collezioni paleontologiche, provenienti principalmente da giacimenti in Italia, i più antichi risalenti a 570 milioni di anni fa; circa 55mila campioni di collezioni lito-mineralogiche, fra cui le collezioni di marmi antichi e collezioni storiche di plastici geologici storici, busti ed effigi di importanti personaggi legati alla storia d’Italia tra cui Quintino Sella e Felice Giordano, una raccolta delle attrezzature e della strumentazione tecnico/scientifica utilizzata nel corso di 140 anni per il monitoraggio e l’analisi del territorio. Un totale di circa 170mila reperti, preziosa testimonianza del complesso delle attività svolte dal regio ufficio geologico all’odierno Servizio geologico d’Italia. Si tratta di un importante patrimonio scientifico, culturale e storico non fruibile dal 1995 che, grazie a questo accordo, potrà tornare visibile alla comunità scientifica, agli studiosi e ai cultori della materia.

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews