martedì, Aprile 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaSaturno sempre più inclinato davanti ai suoi satelliti

Saturno sempre più inclinato davanti ai suoi satelliti

Sembra impossibile che corpi celesti relativamente piccoli, come sono i satelliti di Saturno, siano in grado di influenzare l’angolo d’inclinazione dell’asse di rotazione di un pianeta tanto grande, come è il “signore degli anelli”. Eppure è quanto hanno scoperto alcuni ricercatori del CNRS, della Sorbona e dell’Università di Pisa, che hanno pubblicato i risultati dei loro studi su Nature.

Graduale, ma veloce! Secondo la loro ricerca, l’attuale inclinazione dell’asse di rotazione di Saturno è la conseguenza della migrazione dei suoi satelliti e, più in particolare, del maggiore di essi, che è Titano (il secondo satellite più grande di tutto del Sistema Solare). Recenti osservazioni infatti, hanno dimostrato che Titano e gli altri satelliti stanno allontanandosi da Saturno in modo graduale, ma molto più velocemente di quanto stimato fino ad oggi dagli astronomi.

I ricercatori hanno concluso che questo fenomeno influsice sull’inclinazione dell’asse di rotazione di Saturno: più i satelliti si allontanano, più il pianeta si inclina. 

Non solo: sostengono che inizialmente Saturno, per più di tre miliardi di anni dopo la sua formazione, abbia mantenuto un asse di rotazione inclinato di pochissimi gradi e che solo “di recente”, cioè circa un miliardo di anni fa, abbia iniziato a inclinarsi per effetto dell’azione dei suoi satelliti.

Inoltre, a partire da una fase successiva, anche Nettuno – secondo i ricercatori – ha iniziato a far sentire la sua presenza, e la sua azione si è sommata a quella dei satelliti di Saturno, col risultato di far sì che l’asse del Pianeta con gli anelli si portasse sugli attuali 27°.

I dati attuali fanno presupporre che, fra un miliardo di anni circa, questo valore potrebbe più che raddoppiare.

Anche Giove. Il gruppo di ricerca è giunto a conclusioni simili anche per Giove. Il pianeta gigante dovrebbe subire in modo analogo una variazione della sua inclinazione a causa della migrazione dei suoi quattro satelliti principali.

E, come è accaduto per Saturno (che a un certo punto ha iniziato a sentire l’influenza anche di Nettuno) successivamente entrerà in gioco anche l’azione di Urano, col risultato che nei prossimi cinque miliardi di anni (se il Sistema Solare sarà ancora come è oggi!) l’inclinazione dell’asse di Giove potrebbe passare dagli attuali 3° a oltre 30°.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews