giovedì, Aprile 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipArianna David picchiata dall'ex, intervista, Domenica Live

Arianna David picchiata dall’ex, intervista, Domenica Live

Arianna David è stata ospite di Domenica Live. La showgirl ha raccontato un drammatico periodo della sua vita, dove è stata minacciata e picchiata da un ex compagno. Partendo da alcune foto che la showgirl ha portato a Barbara D’Urso, la donna ha ricordato episodi traumatici legati a quell’esperienza:

“E’ una conseguenza delle botte che io ho preso da questa persona. In questa foto mi ha rotto il mento. Conosco questo ragazzo nel 2012, esco con lui per qualche mese. Nasce una simpatia. E da lì è iniziato il disastro nella mia vita. Non ho più vissuto per tre anni, è completamente impazzita. Mi sono colpevolizzata… non sai quanto. “Ma proprio io?”. Credo che nella vita ci siano dei momenti in cui sei talmente fragile… Non potevo uscire, dovunque andavo me lo trovavo. Qualsiasi cosa facevo, lui c’era. Un giorno mi ha tirato contro la serranda di un negozio chiuso, mentre portavo i miei figli a scuola. Mi ha dato una mazza da baseball sul ginocchio. Non potrò mai dimenticare il dolore che ho provato. Il mento me lo ha rotto con il caricatore del cellulare tirato. Mi ha preso lì. Si presentava a casa e mi diceva: “Io ti ammazzo, ho le armi”. Non ci credevo fino a quando un giorno non me ne ha puntato una in testa”

Arianna ha poi continuato:

“Mi chiedo come sono riuscita a rimanere così fredda. Mi butta su un divano, mi mette le mani al collo, mi spinge così forte che respiravo a fatica… E mi diceva: “Tu esci da quella porta con i piedi… in barella”. Morta. Dalla fine 2012 al 2015. Io lo vedevo perché se non lo vedevo pensavo di morire. La cosa che mi ha fatto più male erano le persone intorno, a cui raccontavo queste cose, e non facevano niente. Nessuno è mai intervenuto. Per farti capire. Sui Tg si parla di quello che successo. Una di questa persone a cui mi ero rivolta mi ha detto: “Ti devo chiedere scusa perché non ti credevo”. Sono andato a denunciarlo con una parrucca in testa. Una volta guidavo e mi è entrato con il casco in macchina. Mi ha rincorso con lo scooter…”

Il giorno della denuncia, l’uomo si è fatto trovare davanti alla scuola mentre lei è riuscita a chiamare i carabinieri. E poi è stato arrestato.

“Non l’hanno messo in carcere ma il braccialetto cinque giorni. Io non l’ho più visto dal 2016. Ma ho fatto una cosa che non si deve fare: ho ritirato la denuncia. Perché non uscivo fuori dalla paura che avevo dentro… Non mi sentivo protetta abbastanza, non avevo un amico o un’amica. Ero io con due bambini… Non sai quante volte che ho pianto”

Iscriviti alla nostra newsletter

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews