martedì, Aprile 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieRussia, l'oligarca difende Putin: "La villa sul Mar Nero è mia"

Russia, l’oligarca difende Putin: “La villa sul Mar Nero è mia”

“Ora non sarà più un segreto, sono il beneficiario. Era una questione così complessa. C’erano molti creditori, e sono riuscito a diventare il beneficiario. Questa è una fortuna inaspettata. Il posto è stupendo”. Queste sono le parole che “scagionano” il presidente russo dall’accusa lanciata da Aleksej Navalnyj in un video super virale, pronunciate dal magnate dell’edilizia Arkady Rotenberg.

Subito dopo l’arresto dell’oppositore, il suo staff ha pubblicato un video di due ore sul suo canale YouTube che racconta nei dettagli “il palazzo di Putin”, una sontuosa residenza sul mar Nero costata oltre 1,1 miliardi di euro “pagata con la più grande tangente della storia”. Il filmato è stato visto oltre 103 milioni di volte. Putin ha smentito la ricostruzione dell’inchiesta dicendo che né lui né i suoi parenti stretti possiedono la proprietà, e il Cremlino ha insistito sul fatto che non c’è alcun collegamento con il presidente anche se l’edificio è protetto dal Servizio di protezione federale (Fso), che si occupa della sicurezza agli alti funzionari del governo.

Fondazione Navalnyj: ecco il video sulla reggia di Putin

video “>

video /photo/2021/01/26/752818/752818-thumb-rep-doc_navalnyj_sott_oko.jpg” width=”316″ height=”178″/>

L’oligarca Rotenberg, considerato vicinissimo a Putin e suo occasionale partner a judo, ha dichiarato di essere “il beneficiario” della supervilla. In un’intervista al canale Telegram ‘Mash’, Rotenberg ha spiegato che lì si sta realizzando un hotel che aprirà “tra due o tre anni”.

Russia, l’inchiesta di Navalnyj: dall’architetto ai mobili, il “palazzo di Putin” è “made in Italy”

di

Rosalba Castelletti

21 Gennaio 2021

Navalnyj, arrestato al suo rientro in Russia dalla Germania dove è stato curato per l’avvelenamento da Novichok, è stato condannato a 30 giorni di carcere in attesa di processo. I suoi sostenitori torneranno in piazza domani nonostante la diffida delle autorità, pronte a intervenire per interrompere le proteste ritenute illegali.

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews