giovedì, Marzo 4, 2021

Tokyo 2020, il 12 marzo si accende la fiaccola al santuario di Olimpia

IL REBUS GRANDI EVENTIIl Comitato olimpico internazionale prova ad allontanare lo spettro di una cancellazione dell’appuntamento estivo a Tokyo di...
Home Gossip Giorno della Memoria, Lia Levi: «Cosa saremmo senza passato?»

Giorno della Memoria, Lia Levi: «Cosa saremmo senza passato?»

Giorno della Memoria per non dimenticare. C’è Roma nel periodo delle leggi razziali. Ci sono tre storie che si sfiorano, come storia e destino. Parlano d’amore ai tempi della guerra, di conflitti esistenziali tra genitori e figli, di valori, di paura, di desiderio di combattere per i propri ideali. Come fa Giulio, commediografo e scrittore costretto a servirsi di un prestanome per raccontare le sue storie.

Nell’ultimo romanzo della scrittrice e giornalista Lia Levi, Ognuno accanto alla sua notte (edizioni e/o), c’è il mondo in cui è cresciuta e da cui è dovuta scappare quando era bambina.

Quello delle leggi razziali, della persecuzione ebraica, che viene ricordato oggi 27 gennaio, Giorno della Memoria.

LEGGI ANCHE

Stelle senza un cielo, le storie dei bambini nella Shoah

LEGGI ANCHE

Il 15,6% degli italiani nega gli orrori dell’Olocausto

Lei scrive romanzi per adulti e per bambini. Questo nuovo romanzo attraversa il periodo delle leggi razziali. Come ha iniziato a scriverlo? 
«A parte le storie individuali cerco sempre le piccole storie, le storie delle famiglie, le grandi storie che entrano nei corridoi. Come sfondo le leggi razziali e le persecuzioni e il baratro dopo l’occupazione tedesca, quando si era trasformata in una caccia all’ebreo. L’altro punto che mi affascina sempre è il destino che getta i suoi dadi e scompone le cose. Ecco perché nel romanzo ho messo tre storie a confronto, ognuna con una situazione, si sfiorano a vicenda».

Tra le voci del suo romanzo c’è Giulio, commediografo e scrittore costretto a servirsi di un prestanome per raccontare le sue storie.
«Ho vissuto questo periodo storico da bambina. Non potevi lavorare, andare a scuola, i libri degli ebrei sono stati fatti sparire. Mi sono immaginata, com’è successo, di commediografi, di persone che per pubblicare i loro lavori sono dovuti ricorrere a un altro nome che compariva al posto loro».

C’è anche l’amore, tra Colomba e Ferruccio. Lei è ebrea, lui è figlio di un fanatico fascista. Come si racconta un sentimento così contrastato?
«Poteva succedere in quegli anni. È un amore strappato che però vola anche un po’. Quando scrivevo di loro avevo in mente gli innamorati che volano in cielo di Chagall. Come un atto un po’ liberatorio, l’ho reso anche immaginario, è un momento di luce, un amore così che da qualche parte ci dev’essere stato».

LEGGI ANCHE

La Giornata della Memoria spiegata a mio figlio

LEGGI ANCHE

Quando il mondo perse i colori

La terza voce è quella che racconta lo scontro tra padri e figli.
«È la storia più dura. Affronta il conflitto tra un padre, che è un dirigente comunitario ebraico e un figlio quindicenne che cerca di ragionare con la sua testa. È un fatto storico, un po’ rimosso anche per motivi di sofferenza, che la classe dirigente, i consiglieri della comunità ebraica, non sono stati all’altezza di un periodo così difficile, non hanno saputo comprendere la gravità della situazione. Non hanno messo in allarme la popolazione, sono stati inadeguati».

Per sfuggire alle persecuzioni è arrivata in un monastero. Cosa le è rimasto dentro?
«Avevo 12 anni e la cosa per cui continuo a ringraziare i miei genitori, anche se oggi non ci sono più, è che non hanno aspettato il momento del pericolo, quando scappava chi ci riusciva e chi no. Loro hanno valutato il pericolo prima. Così hanno nascosto noi tre bambine, dopo aver preso degli accordi, in questo collegio. È stato un atto che ci ha salvato, perché quando c’è stata la grande razzia del 16 ottobre a Roma, dove i tedeschi sono andati a prendersi tutti gli ebrei con gli elenchi che avevano, loro sono stati avvisati al telefono e sono riusciti a scappare»

LEGGI ANCHE

Il memoriale di Auschwitz contro Amazon: libri antisemiti in vendita

Cosa ricorda del collegio?
«Nel convento siamo state accolte bene, certo non era tempo di tanti vezzeggiamenti. Ci hanno spiegato che non dovevamo dire che eravamo ebree, che dovevamo quindi prendere un cognome non riconoscibile come ebraico, dovevamo dire le preghiere insieme alle altre bambine altrimenti avremmo destato curiosità o peggio. Quindi è stato un periodo difficile, era l’anno più duro della guerra, mancavano il cibo , la luce, non c’era il riscaldamento, quindi duro anche esternamente. C’erano però tanti altri bambini e alla fine giocavamo anche, non stavamo tutto il tempo a pensare alla tragedia».

Riuscivate a trovare un tempo per la leggerezza?
«Sì, abbiamo messo in piedi anche degli spettacoli teatrali, cosa che per me è stata sempre molto salvifica nell’infanzia. Me ne ricordo uno in particolare, era un copione che avevamo trovato lì e raccontava una storia ironica di litigi tra cognate».

Che cos’è per lei  la memoria? 
«La memoria per me è l’elaborazione del ricordo. Tutti abbiamo dei ricordi che magari svaniscono, o piano piano si possono anche modificare. Invece il ricordo elaborato, cioè trasportato nel tuo presente diventa una cosa su cui pensi, ti offre dei valori, un metro per giudicare. Senza la memoria del passato come faremmo a costruire la nostra struttura psichica. È tutto questo. Tutto quello che del ricordo si trasforma in qualcosa di vivo oggi».

Perché è importante ricordare?
«Ricordare non dev’essere un pensiero così volatile. La memoria è ricordo quando ne fai oggetto di riflessione, cominci a capire la storia e i comportamenti degli esseri umani. Le stesse pulsioni che l’essere umano ha sempre vengono messe come sotto un riflettore, diventano più forti e più riconoscibili».

LEGGI ANCHE

I 90 anni di Liliana Segre contro l’odio e la violenza

LEGGI ANCHE

Lettere d’amore da Auschwitz, la corrispondenza di un ebreo deportato

LEGGI ANCHE

Eva Heyman: e se ci fosse stato Instagram durante l’Olocausto?

LEGGI ANCHE

Stelle senza un cielo, le storie dei bambini nella Shoah

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews