lunedì, Marzo 8, 2021

Pierpaolo Pretelli a Live – Non è la d’Urso: “Con Giulia tutto bene”

Debutto davanti alle sfere di Live non è la d’Urso per Pierpaolo Pretelli. L’ex concorrente del Grande Fratello VIP ha affrontato i 5 opinionisti:...
Home Mangiare I vini vegani conquistano anche le grandi etichette

I vini vegani conquistano anche le grandi etichette

Servizioconsumi

Dal Gewürztraminer e Muller Türgau fino al Nero d’Avola e all’Amarone cresce la produzione in Italia senza l’uso di albumina, caseina e colla di pesce: una grossa fetta va all’export per il Nord Europa

di Giorgio dell’Orefice

default onloading picI vini vegani non usano prodotti di origine animale nel processo di vinificazione

Dal Gewürztraminer e Muller Türgau fino al Nero d’Avola e all’Amarone cresce la produzione in Italia senza l’uso di albumina, caseina e colla di pesce: una grossa fetta va all’export per il Nord Europa

3′ di lettura

Ci sono Gewürztraminer e Muller Türgau trentini, il Catarratto e il Nero d’Avola siciliani e ancora vini veneti, toscani, marchigiani e spumanti. Tra i produttori ci hanno scommesso brand privati, aziende famigliari e cantine sociali. In mancanza di uno standard internazionale condiviso c’è chi si autocertifica o si affida a un organismo terzo che però, a differenza di quanto avviene per biologico o sostenibilità, valuta aspetti solo documentali senza verifiche in campo e in cantina. Si sta allargando sempre più nel nostro Paese la platea dei produttori di vini vegani ovvero prodotti senza alcuna componente di origine animale, in linea con la filosofia Vegan. Fino a non molti anni fa si trattava di una nicchia, adesso invece conta su una produzione che in Italia è di qualche milione di bottiglie, prevalentemente esportate.

Il vino è un prodotto già vegetale, ma per produrlo gli enologi hanno bisogno anche di albumina, caseina e colla di pesce, ovvero di chiarificanti. Questa procedura punta a stabilizzare il vino (sia bianco che rosso che rosato) eliminando le sostanze in sospensione e rendendolo più limpido. Per i vini vegani le sostanze di origine animale o vengono del tutto eliminate, con il ricorso alla tecnologia, o sostituite da chiarificanti a base di estratti vegetali (ortaggi o patate) o di origine fossile come la polvere di roccia.

Loading…

«L’input è venuto dal Nord Europa oltre dieci anni fa – spiega Raffaele Boscaini, direttore marketing di Masi agricola (azienda leader dell’Amarone che esporta oltre il 70% della propria produzione e che all’estero ha tra i primi mercati la Svezia) –. Noi eravamo partiti dall’obiettivo di ridurre dai nostri vini gli allergeni e così abbiamo via via sostituito tutte le sostanze di origine animale. In seguito si è scoperto che potevamo proporre le nostre etichette come Vegan friendly e lo abbiamo fatto con un bollino ad hoc che campeggia su circa 800mila bottiglie. Questi vini piacciono anche a chi non adotta uno stile di vita vegano. Oggi sono prodotti con questa filosofia i vini toscani dell’etichetta Bell’Ovile e quelli che realizziamo in Argentina ma presto lanceremo anche un Amarone Vegan».

Oltre al Nord Europa è sempre più forte la domanda del Regno Unito. «In Inghilterra – spiega Stefano Girelli titolare di due aziende biologiche, Santa Tresa e Cortese, nell’area di Vittoria (Ragusa) per una produzione di circa 380mila bottiglie – il numero di vegani è quadruplicato tra il 2014 e il 2018 passando da 150mila a oltre 600mila persone e una cena su 4 è vegana. È questo il nostro principale mercato. Tuttavia abbiamo adottato l’opzione Vegan su una produzione già totalmente biologica. E ci crediamo al di là dei trend perché alla base c’è una logica di sostenibilità e di lotta al depauperamento dei terreni». Nella produzione di Santa Tresa e Cortese tutti i principali vitigni siciliani dal Catarratto al Carricante dal Nero d’Avola al Nerello Mascalese fino a due spumanti a base Frappato e Grillo.

«Su una produzione totale di 1,4 milioni di bottiglie biologiche circa un milione hanno la certificazione Vegan – spiega Walter Bartolomei, titolare con il fratello Massimiliano dell’azienda marchigiana Ciu Ciu di Offida (Ascoli Piceno)–. Viene realizzata sostituendo i chiarificatori di origine animale con le sole tecnologie di filtrazione e microfiltrazione che riescono a garantire i medesimi risultati sulla limpidezza. Dieci anni fa i nostri vini Vegan (Pecorino, Passerina e Rosso Piceno) erano apprezzati solo all’estero ora guadagnano spazio anche in Italia».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews