lunedì, Marzo 8, 2021

Rosaria Macina, la vita ricomincia a 53 anni con la boutique di abiti vintage nel cuore chic di Napoli

"Ma proprio nell'anno della pandemia? Qui si chiude, tanti abbassano le saracinesche e tu apri un'attività?"....
Home Cultura Cos'è l'online fatigue: scopri se ne soffri

Cos’è l’online fatigue: scopri se ne soffri

Cos’è l’online fatigue: scopri se ne soffri

Avete mai sentito parlare dell’online fatigue? È una conseguenza del nuovo stile di vita derivante dalla pandemia.

Online fatigue, ne avete mai sentito parlare? È un nuovo disturbo che deriva dal nuovo stile di vita che la maggior parte di noi ha iniziato a vivere quotidianamente a causa della pandemia da Covid-19, che ci ha costretto a casa anche per lavorare, oltre che per avere un contatto con famigliari e amici che vivono lontani e che non possiamo abbracciare. È una sensazione di affaticamento che sicuramente avrà colpito molti di voi.

Secondo un’indagine dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che ha seguito alcuni docenti dopo 9 mesi di didattica a distanza, l’online fatigue esiste. Il 55% degli insegnanti che hanno partecipato all’indagine ha lamentato una profonda interferenza tra la vita privata e la vita lavorativa. Mentre il 67% ha subito un’intrusione nella sfera personale da parte della tecnologia, di cui prima non aveva sofferto. Il 50% ha dichiarato di trascorrere più di 4 ore ogni giorno di fronte a piattaforme di comunicazione. E il dato positivo è che l’84% è ancora felice di fare questo lavoro.

Affaticamento da Zoom, le riunioni online sono stressanti

Come riconoscere l’online fatigue

Lo smart working ha conseguenze a volte molto pesanti sulla nostra quotidianità. Possiamo sperimentare sintomi psicosomatici, non avere più tempo libero da dedicarci, vivere una vita dalla scarsa qualità, con troppe ore lavorative e con un’interferenza del lavoro sulla nostra vita privata. La tecnologia può aiutarci, come ha fatto in questi mesi di grandi cambiamenti a livello globale. Ma può anche rappresentare talvolta un ostacolo quando è troppo presente e pesante. Limitando il resto della nostra vita.

Andrea Bonanomi, responsabile della ricerca, ha sottolineato che sarebbe “necessario che le istituzioni si facciano carico di iniziative volte a promuovere una corretta igiene del lavoro” e servirebbe una sensibilizzazione “in merito ai rischi connessi all’applicazione intensiva del remote working, sempre meno smart e sempre più home-working”.

Via | tg24.sky.it

Foto di 1388843 da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews