lunedì, Marzo 8, 2021
Home Gossip Dyson V11 Absolute Extra Pro: controllo e libertà

Dyson V11 Absolute Extra Pro: controllo e libertà

Più le tue aspettative sono alte, più lo sono le possibilità di rimanere delusi. Ebbene, quando abbiamo aperto la scatola del nuovo Dyson V11 Absolute Extra Pro le attese erano anch’esse «extra». Del resto, si tratta del top di gamma di uno dei marchi top quando si parla di pulizia della casa. Un aspirapolvere senza sacchetto, senza filo, ma che promette il 20% di potenza di aspirazione in più rispetto al modello precedente. Vediamo com’è andata. 

Aprendo la confezione – una pesante e piuttosto ingombrante cassa di cartone – ci troviamo tanti tanti componenti.

Ci prende lo sconforto tipico del pigro e dell’insicuro: ci vorrà una laurea e un sacco di tempo per capire come funziona. E qui commettiamo il primo errore di valutazione. Nonostante le istruzioni cartacee siano minimal (e qui c’è stato un altro momento di panico) quando individuiamo il manuale digitale sul sito tutto diventa in discesa. Infatti, per ogni argomento e per ogni singola parte dell’aspirapolvere, oltre alle istruzioni scritte, c’è un mini video esplicativo ed esaustivo.  

Com’è
Cominciamo dalle basi: estraiamo il lungo tubo e lo colleghiamo al corpo aspiratore che si trova in alto ed è composto dal motore, la batteria e il serbatoio per la polvere. 

L’aspirapolvere è leggero e ha un look molto moderno, grazie anche alla azzeccata combinazione di colori: blu elettrico, viola e argento.

Montiamo per prima la spazzola High Torque con Dynamic Load Sensor (DLS). Aggraziata nell’estetica e piacevole al tatto, in realtà si dimostra tosta: grazie al suo motore integrato e al sistema DLS è in grado di riconoscere il tipo di pavimento su cui sta lavorando e si adatta modificando la potenza di aspirazione, a seconda che la pulizia avvenga su tappeti o moquette oppure pavimenti. 

Per avviare il Dyson è sufficiente tenere premuto il «grilletto». Quando lo si lascia l’aspirapolvere si spegne immediatamente in modo da minimizzare gli sprechi di batteria. Ogni volta che lo facciamo emette un particolare rumore, quasi un grazioso sbuffo che ci invoglia ad assecondarlo e riaccenderlo. Insomma, cominciamo a pensare che fare i lavori domestici possa essere quasi divertente.

Ma anche veloce, grazie al migliorato motore digitale, il fiore all’occhiello di questo modello. Si tratta di un Dyson Hyperdymium, che raggiunge i 125 mila giri al minuto. Ha un triplo diffusore che ottimizza l’equilibrio fra potenza e prestazioni, ma riducendo turbolenza e rumore. La maggiore efficienza del motore genera il 20% di potenza di aspirazione in più  rispetto al modello precedente. 

Sempre nella parte alta del prodotto si trova uno schermo LCD che, oltre ad altre informazioni, mostra il tempo di pulizia ancora disponibile. In totale l’autonomia è di 120 minuti: infatti, nella confezione ci sono due batterie che assicurano un’ora di aspirazione ciascuna. 

Sebbene la High Torque sia praticamente una spazzola «universale», ci sono ancora tanti pezzi da provare nella scatola della versione «Pro», la più completa. 

Prima di acquistare l’aspirapolvere si può controllare sul sito la composizione delle varie versioni, in modo da scegliere quella più adatta alle proprie esigenze. In poco tempo proviamo tutte le spazzole, anche perché cambiarle si rivela un’operazione molto veloce e facile. 

Un’altra spazzola fondamentale è quella morbida a rullo, adatta al parquet e ai pavimenti duri. Poi ci sono (e se non incluse nella confezione sono acquistabili successivamente) la spazzola materassi, per la pulizia di scale, tappeti e tende; la mini spazzola delicata, per rimuovere la polvere dalle aree delicate; la spazzola sporco difficile, per rimuovere lo sporco dalle fibre dei tappeti; la Mini turbo spazzola, per rimuovere peli e sporco difficile negli spazi più ristretti; la bocchetta a lancia ad attacco rapido, per raggiungere punti ancora più angusti.

Aspirazione senza confronto con ognuna di esse. Ma quello che ci stupisce di più è la maneggevolezza e la comodità di utilizzo. E questo a seguito di due «mancanze»: infatti, quello che ci rende molto più liberi di aspirare come e dove vogliamo è che si tratta di una macchina senza sacchetto e senza filo. 

La prima è una caratteristica introdotta per la prima volta da Dyson e, oltre ad abbattere i costi nel lungo termine, ci facilita la vita nell’immediato: una volta pieno il cilindro (che è trasparente e quindi più facile da tenere d’occhio) lo si apre con una sola mossa, agendo su una leva, e lo si svuota direttamente nel cestino dei rifiuti, senza bisogno di dover toccare lo sporco con le mani. Il contenitore, comunque, è abbastanza capiente e non è necessario svuotarlo troppo spesso, se si sta eseguendo una normale pulizia quotidiana. Quando lo si reputa necessario lo si può anche lavare sotto l’acqua del rubinetto. 

Inoltre, dicevamo, il V11 Extra è wireless e, se questa caratteristica può non sembrare fondamentale quando si tratta di pulire il pavimento di un’abitazione, lo diventa quando si devono raggiungere ambienti angusti o l’interno di un’automobile. Senza la costrizione della presa elettrica e con la bocchetta giusta è stato molto comodo pulire a fondo anche ogni punto dell’abitacolo della nostra vettura.

Dopo tanto lavoro è ora di mettere a riposo (e in ricarica) il Dyson. Estraiamo dalla confezione il gancio a parete e la pedana, ma – per ora – optiamo per la seconda.

Si tratta infatti di un gadget che fa fare il salto di qualità e rende l’aspirapolvere (già bello di per sé) in un vero oggetto di design da esporre. L’elegante e robusta staffa lo mantiene leggermente sospeso da terra e in posizione verticale. Siamo pronti a scommettere che nessuno lo vorrà nascondere in un ripostiglio!

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews