lunedì, Marzo 1, 2021

Iran-Italia, 160 anni di amicizia

Caro direttore, un proverbio persiano recita: "Ogni cosa nuova è buona, tranne l'amicizia". L'amicizia tra l'Iran e...
Home Notizie Khamenei minaccia Trump: "La vendetta è inevitabile". E Twitter lo sospende

Khamenei minaccia Trump: “La vendetta è inevitabile”. E Twitter lo sospende

“La vendetta è inevitabile. L’assassino di Soleimani e colui che ha ordinato l’omicidio devono sopportare la vendetta”. Era questo il messaggio in farsi che nella notte era stato pubblicato sul profilo Twitter @khamenei_site, uno dei profili social legati alla guida suprema iraniana.

In Iran i social sarebbero vietati, ma i normali cittadini riescono sempre ad aggirare gli ostacoli creati dal regime e addirittura tutti i leader politici più importanti, a partire dalla guida Alì Khamenei, utilizzano Twitter, Facebook e altri canali per lanciare i loro messaggi politici. Qualcuno dei collaboratori di Khamenei ha pensato di costruire un’immagine di Donald Trump che gioca a golf mentre l’ombra di un drone lo sovrasta, come dire che un missile iraniano sarebbe pronto a colpirlo. Il fotomontaggio serve a ricordare che poco più di un anno fa, il 3 gennaio 2020, Donald Trump ordinò di uccidere il generale dei pasdaran Qassem Soleimani che era appena sbarcato all’aeroporto di Bagdad. L’ufficiale era diventato uno dei leader più popolari in tutto l’Iran, soprattutto per il suo ruolo nella guerra contro l’Isis in Siria e Iraq, e da mesi aveva stretto un rapporto diretto proprio con la guida suprema dell’Iran, l’ayatollah Khamenei.

Il fotomontaggio su Twitter era accompagnato da un testo, “la vendetta può avvenire in qualsiasi momento”, confermando quello che dal 3 gennaio hanno ripetuto gli iraniani, ovvero che stanno ancora attendendo il momento per vendicare quell’omicidio. Alcuni giorni dopo il 3 gennaio gli iraniani avevano lanciato alcuni missili contro una base militare in Iraq in cui erano presenti truppe americane, ma quella sembrava più che altro una ritorsione simbolica. La vera “vendetta” sarebbe ancora in preparazione.

Il tweet dopo alcune ore è stato rimosso, come era accaduto a un altro messaggio di Khamenei lo scorso 9 gennaio: il leader iraniano spiegava il suo veto all’importazione di vaccini da Usa e Regno Unito, sostenendo che “non ci si può fidare di questi Paesi”. Il social di Jack Dorsey aveva ritenuto che questo messaggio violasse la sua politica sulle informazioni fuorvianti sul Covid-19”.

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews