lunedì, Marzo 1, 2021

Spid e PagoPA, le amministrazioni pubbliche ancora in ritardo: fallita la scadenza di legge

Non ce l'ha fatta la PA italiana a rispettare la scadenza del 28 febbraio, che -...
Home Sport Bocce, i consigli del campione Bagnoli ai giovani: “Divertitevi”

Bocce, i consigli del campione Bagnoli ai giovani: “Divertitevi”

Il suo nome è Andrea Bagnoli ed è uno dei più grandi interpreti della Raffa. Nella sua straordinaria carriera ha vinto quattro titoli Mondiali, tre Europei e quattro Italiani, oltre a una moltitudine di altre competizioni. Classe 1962, di Castenaso (Comune in provincia di Bologna), milita ora nella Codognese 88, con cui si appresta a disputare il campionato di Serie A2. Ha mosso i primi passi a quindici anni, quando si è tesserato per Castenaso, la bocciofila del suo paese. “È avvenuto tutto casualmente. Un amico mi chiese di accompagnarlo alla bocciofila e, osservandolo giocare, mi appassionai a mia volta”, dichiara il campione. “Prima di specializzarmi nel tiro (il sottomano di Bagnoli è leggendario, ndr) feci il puntista proprio di questo mio amico. In Nazionale venivo impiegato soprattutto come bocciatore. Con l’avanzare dell’età e gli impegni della vita, mi sono orientato verso l’accosto”.

Tecnica sopraffina, umiltà e sportività: queste le doti del fuoriclasse Andrea Bagnoli. “Il momento per me indimenticabile è quello della mia prima vittoria da individualista. Si trattava di una provinciale, nella categoria Allievi”. Rispetto a tutti i titoli che avrebbe conquistato da lì a qualche anno, pare quasi paradossale che il grande Bagnoli ricordi con commozione quel piccolo trionfo. Eppure: “Avevo sedici anni, era estate. Giunsi alla Imolese con lo scooter. In finale superai Gabrio Galletti, che purtroppo ci ha lasciato prematuramente.

Diventammo amici inseparabili, oltre che compagni di gara. Ciò che mi colpì di quell’incontro fu il bocciodromo gremito: all’inizio la cosa mi intimidì, poi si sciolse l’emozione e giocai bene. Vincere fu per me una soddisfazione immensa, perché da quel momento in poi compresi le mie potenzialità. Gareggiavo da circa un anno e mezzo, senza ottenere risultati soddisfacenti: finalmente la vittoria mi sbloccò”. In futuro Bagnoli avrebbe giocato per quattro anni con Franco Toschi, “il primo con cui vinsi gare nazionali. Imparai molto da lui”. Il campione emiliano si sofferma sulle lunghe trasferte: “Gli altri ragazzi ed io non vedevamo l’ora che arrivasse il giorno della gara. Partivamo insieme e, nonostante i viaggi infiniti, ci divertivamo sempre. E questo è ciò che consiglio ai più giovani: non abbiate l’assillo del risultato. Preparatevi adeguatamente, sì, però divertitevi”.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews