venerdì, Marzo 5, 2021

Sanremo con parole tue, Aiello: «Parlo dell’amore che non abbiamo avuto il coraggio di vivere»

Anche Aiello in gara a Sanremo 2021 con «Ora», ha partecipato al nostro «Sanremo con parole tue» Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna...
Home Scienza Telescopio Chandra: scoperta una strana magnetar

Telescopio Chandra: scoperta una strana magnetar

Nel marzo 2020 un gruppo di astronomi, grazie al telescopio spaziale Swift, ha scoperto una stella che fu chiamata con la sigla J1818.0-1607. Successivamente la stella è stata studiata anche con il telescopio spaziale Chandra, che ne ha seguito l’evoluzione e studiato le fortissime emissioni di raggi X (J1818.0-1607 si trova a circa 21.000 anni luce da noi e quindi non c’è nulla di cui preoccuparsi).

Campo magnetico. J1818.0-1607 è una magnetar, una stella che appartiene alla grande famiglia degli oggetti dell’Universo sui quali abbiamo ancora molto da scoprire. Al momento sappiamo che le magnetar sono stelle composte unicamente da neutroni, giunte al termine della loro vita dopo una serie di violente esplosioni; a differenza di un “normale stella a neutroni”, una magnetar possiede un campo magnetico (ecco spiegata una parte del nome) estremamente intenso che è la causa dell’emissione di radiazioni ad altissima energia nello spettro dei raggi X e gamma. Tanto per avere un’idea, si parla di un campo magnetico almeno un milione di miliardi più intenso di quello terrestre! 

J1818.0-1607, però, è una magnetar un po’ speciale: ruota su se stessa molto più velocemente rispetto alle stelle di questo tipo (finora ne sono state scoperte una trentina), compiendo una rotazione ogni 1,4 secondi. Inoltre dovrebbe trattarsi della più giovane magnetar mai osservata, con un età di appena 500 anni: questa stima è stata ottenuta dagli scienziati analizzando la velocità con la quale la stella sta rallentando la sua rotazione.

Onde radio. Infine, a differenza della maggior parte delle sue “compagne”, questa magnetar emette onde radio, come dedotto grazie alle osservazioni eseguite con il radiotelescopio Karl Jansky Very Large Array. La ricerca è stata realizzata da Harsha Blumer della West Virginia University e Samar Safi-Harb dell’Università di Manitoba in Canada i quali hanno pubblicato i risultati del loro studio su The Astrophysical Journal Letters.

Per saperne di più, ecco un video realizzato dalla Nasa per descrivere questa scoperta (i commenti sono in inglese, ma nel caso è possibile impostare la traduzione automatica in italiano):

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews