Influenza aviaria in Francia: a rischio allevamenti e produzione di foie gras

epizoozia

Più di 260 focolai censiti negli stabilimenti concentrati nel sud-ovest del Paese dove si trova il principale polo produttivo del fegato d’oca. Macellati oltre un milione di animali

default onloading picPhoto by IROZ GAIZKA / AFP

Più di 260 focolai censiti negli stabilimenti concentrati nel sud-ovest del Paese dove si trova il principale polo produttivo del fegato d’oca. Macellati oltre un milione di animali

2′ di lettura

E’ allarme tra i produttori francesi di foie gras per la diffusione dell’influenza aviaria. Sono 264 i focolai censiti negli stabilimenti francesi, secondo i dati confermati dal ministero dell’Agricoltura, la stragrande maggioranza dei quali concentrati nel sud-ovest nella zona dei Pirenei, il principale polo produttivo del fegato d’oca.

La maggior parte dei focolai si trova nelle Landes, che conta circa 800 allevamenti di palmipedi (soprattutto anatre). Gli altri focolai sono concentrati nel Gers e nei Pyrénées-Atlantiques e Hautes-Pyrénées. Sono stati identificati altri dodici focolai, al di fuori dell’area di sud-ovest, concentrati nei cinque dipartimenti di Haute-Corse, Vendée, Deux-Sèvres, Corse-du -Sud e Yvelines. Alcuni casi sono stati riscontrati tra la fauna selvatica. Per contenere questa epizoozia, che ha continuato a progredire dalla sua prima apparizione in un allevamento ai primi di dicembre, le autorità sanitarie sono impegnate in una campagna di macellazione concentrata sul pollame contaminato ma anche, preventivamente, sui capi allevati entro un perimetro di cinque chilometri dai focolai. A oggi, secondo il ministero “1,116 milioni di esemplari di pollame, principalmente anatre, sono stati macellati nel sud-ovest per ordine dell’amministrazione”. Cifog, il comitato interprofessionale dei palmipedi da foie gras, ritiene che la macellazione non sia avvenuta abbastanza velocemente “da poter far fronte all’aggressività del virus” e chiede ancora una volta “il rafforzamento dei mezzi tecnici e logistici sul campo per affrontare le fonti di contaminazione”.

Loading…

L’appello del ministro: “Stop agli allevamenti all’aperto”

Il contenimento del pollame è la regola quando l’influenza aviaria minaccia di essere diffusa dagli uccelli migratori, ma una deroga consente alle aziende con meno di 3.200 palmipedi di poter continuare ad allevarli all’aperto. Il ministro dell’agricoltura Julien Denormandie ha espresso forti perplessità rispetto a questa deroga, ritenendo che tutti i produttori dovrebbero investire negli stabilimenti per tenere le anatre rinchiuse se necessario.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo