mercoledì, Marzo 3, 2021

Samantha Cristoforetti torna nello Spazio

Samantha Cristoforetti si prepara a una nuovo viaggio sulla ISS: nella primavera...
Home Musica John Lennon, 40 anni fa la morte. Cos’erano per lui i soldi...

John Lennon, 40 anni fa la morte. Cos’erano per lui i soldi (e dove andranno a finire i suoi)

Serviziol’anniversario

Il senso per il denaro del fondatore dei Beatles. Tra il patrimonio accumulato in vita e quello lasciato agli eredi. E poi: che succederà dopo la scomparsa di Yoko?

di Francesco Prisco

40 anni senza John Lennon

Il senso per il denaro del fondatore dei Beatles. Tra il patrimonio accumulato in vita e quello lasciato agli eredi. E poi: che succederà dopo la scomparsa di Yoko?

5′ di lettura

Da lennonisti militanti, tutti i santi giorni li passiamo a dire, fare, baciare John Lennon. Non ce n’è stato uno solo, finora, in cui non ci siamo chiesti cosa avrebbe pensato lui in una determinata situazione, come se la sarebbe cavata in quella particolare circostanza. Arriva il giorno 8 dicembre 2020, sono passati 40 anni esatti dalla sua tragica morte, tutti ne parlano e noi, una volta tanto nella vita, ne faremmo volentieri a meno. E non per snobismo, ma per dribblare la retorica: che senso ha continuare a scrivere lo stesso articolo da 40 anni a questa parte?

«Money (that’s what I want)»

Alla fine decidiamo di farlo comunque, ma in maniera un po’ disallineata: non vi racconteremo, per l’ennesima volta, il genio della musica o l’icona pacifista, ma il suo rapporto con i soldi. Cosa ne pensava, quanti ne ha fatti e a chi li ha lasciati. A qualcuno di voi potrebbe magari suonare come una nota stonata, ma credeteci: Zio John, in vita, diede molta più importanza ai soldi di quanto saremmo portati a credere. Che si trattasse di guadagnarli o di buttarli via. Ebbene sì: c’è stata una fase in cui il nostro Working Class Hero, per sua stessa ammissione, al portafogli ci badava eccome. Forse proprio perché era un Working Class Hero (non ricco sfondato, ma neanche poverissimo). Perché aveva «fame», puntava in alto, voleva arrivare. Money, (That’s what I want), «i soldi sono quello che voglio», cantava ai tempi del Cavern, appropriandosi di una vecchia hit di Barrett Strong. E di una consapevolezza: «Le migliori cose nella vita sono gratis, ma puoi pure darle ai piccioni».

Loading…

Londra, 1965: Lennon con i Beatles riceve il titolo di baronetto (Epa)

«Baby, you’re a rich man»

Di soldi, con i Beatles, ne farà quanti nella musica non ne aveva mai fatti nessuno prima di allora. Nonostante una gestione a dir poco «artigianale» delle casse: portafoglio affidato a Brian Epstein, negoziante di dischi di Liverpool ritrovatosi, da un giorno all’altro, manager della band più importante del pianeta. Verrà il momento di cantare Baby, you’re a rich man: ce l’hai fatta, ragazzo, il mondo è tuo, «come ci si sente a essere uno della bella gente?» Un mese più tardi, Brian Epstein se ne andrà al Creatore. E due anni più tardi il dibattito sul nuovo manager cui affidare le sorti economiche dei Beatles sarà tra i principali motivi dello scioglimento del gruppo.

I Beatles nel 1967, quando esce «Baby, you’re a rich man» (Epa)

«Money for dope»

Con la Apple – nel senso dell’etichetta discografica dei Fab Four – Lennon è stato pure imprenditore. E la Apple non si può certo dire sia stata una best practice di gestione d’impresa, tra perdite a sei zeri, negozi «concettuali» di merchandising in cui hippie e freak avevano il vizio di fare la spesa alla gratis e uffici fuori dai quali i dirigenti avevano il vizio di campare… sulle note spese. Con questi presupposti di soldi non ne fai molti. Anche se non ti mancheranno mai i «money for dope» della famosa canzone. Insomma: cosa pensava dei soldi Lennon? «Ho lavorato per i soldi e volevo essere ricco. Quindi, che diavolo, se questo è un paradosso, allora sono socialista. Ma non sono niente. Prima ero uno che si sente in colpa per i soldi. Ecco perché li ho persi, o dandoli via o lasciandomi fregare dai cosiddetti manager», disse una volta.

New York, 1980: il corpo senza vita di John Lennon viene portato via (Epa)

Quanti soldi aveva Lennon quando ci lasciò

Ecco: tenete bene a mente queste parole. Aiutano a capire meglio alcuni numerini riferiti all’anno 1980, quello in cui Zio John ci lasciò. Il suo patrimonio personale, all’epoca, era stimato in 200 milioni di dollari. Considerando la rivalutazione, parliamo di una cifra che non si discosta dagli attuali 620 milioni di dollari. Certo, non male quei 200 milioni: il doppio rispetto al patrimonio fino a quel momento accumulato da George Harrison (100 milioni), sicuramente di più nel confronto con Ringo Starr (80 milioni), ma la metà rispetto a Paul McCartney (400 milioni), con il quale Lennon firmò a quattro mani il grosso del songbook beatlesiano. E, soprattutto, si giocava la leadership dei Fab Four. Tradotto: Macca, già all’epoca, si dimostrava più bravo a gestire i ricavi della proprio arte.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews