lunedì, Marzo 1, 2021
Home Notizie Regno Unito, arrestato per frode e corruzione il sindaco di Liverpool

Regno Unito, arrestato per frode e corruzione il sindaco di Liverpool

LONDRA – Il sindaco di Liverpool, Joe Anderson, è stato arrestato oggi dalla polizia della città nell’ambito di un’indagine su frode e corruzione. Il partito laburista, di cui Anderson è membro da una vita, lo ha immediatamente sospeso in attesa del risultato dell’inchiesta giudiziaria.

 

Ex-assistente sociale e poi gestore di un pub, il 62enne Anderson è stato per due decenni consigliere comunale prima di candidarsi nel 2010 nelle prime elezioni a suffragio diretto per la carica di sindaco: da allora è stato sempre rieletto ed è rimasto ininterrottamente primo cittadino di uno dei più importanti centri urbani dell’Inghilterra, famoso in tutto il mondo come città natale dei Beatles e per la sua squadra di calcio , campione in carica della Premier League.

 

Le accuse imputate ad Anderson, secondo indiscrezioni riportate dal Guardian, riguardano appalti nel settore immobiliare e delle infrastrutture cittadine. L’arresto non equivale ovviamente a un verdetto di colpevolezza, né significa che il sindaco resterà in carcere: la polizia, per interrogare una persona sospettata di un reato, deve sempre arrestarla, per darle la facoltà di non rispondere e di consultare un avvocato, avvalendosi di tutti i diritti legali.

 

Insieme ad Anderson sono state arrestate altre cinque persone, di cui le autorità non rivelano per il momento l’identità, ma soltanto l’età: un uomo di 72 anni, uno di 46, uno di 33 e uno di 25. Sono accusati anche loro di frode e corruzione, oltre che di cospirazione e tentativo di intimidazione di un testimone. Nel 2017 il sindaco di Liverpool si era candidato anche a un posto da deputato al Parlamento di Westminster, ma non è stato eletto. Suo fratello maggiore è morto in ottobre di coronavirus e lo stesso Anderson ha passato gran parte dell’ultimo anno in isolamento come misura precauzionale, soffrendo di altri disturbi fisici. Un episodio comunque imbarazzante per il Labour, che il nuovo leader Keir Starmer ha promesso di riportare alla vittoria, rendendolo una credibile forza di governo, dopo la dura sconfitta subita dal suo predecessore Jeremy Corbyn alle elezioni del dicembre scorso, la peggiore prestazione alle urne per i laburisti in 85 anni.

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews