Vaccino Coronavirus in Italia: gratis e centralizzato

Vaccino Coronavirus in Italia: gratis e centralizzato

Il vaccino Coronavirus in Italia sarà gratuito, su base volontaria e distribuito in maniera centralizzata. Le parole del ministro Speranza.

Roberto Speranza, ministro della Salute in Italia, prima davanti ai rappresentanti della Camera dei Deputati e poi di fronte a quelli del Senato, ha parlato brevemente del prossimo DPCM, che dovrebbe arrivare nelle prossime ore a regolarizzare e mettere in sicurezza il nostro Natale, e poi del vaccino per il coronavirus. Obiettivo è la maggior copertura vaccinale. Per questo sarà gratuito e si inizierà la somministrazione dalle persone più a rischio. Per poi coprire su base volontaria il resto della popolazione.

Secondo quanto sottolineato da Roberto Speranza, L’acquisto del vaccino sarà centralizzato e tutti gli italiani potranno accedere a titolo gratuito alla sua somministrazione. Con tutta probabilità, perché sia efficace, avremo bisogno di due dosi a testa. Al momento il nostro paese ha opzionato 202 milioni di dosi. Le prime potrebbero arrivare già a gennaio, quando si potrà pensare di iniziare a vaccinare le categorie più a rischio: operatori sanitari e sociosanitari, residenti e personale delle Rsa per anziani, persone in età avanzata.

Prima si darà la precedenza a persone con maggiori fattori di rischio. E man mano che i vaccini arriveranno si andranno a coprire anche le altre categorie. Come ad esempio forze dell’ordine e personale scolastico.

In caso di focolai importanti in alcune zone, si potranno destinare dosi di vaccini per affrontare le emergenze.

Vaccini Covid-19 Locatelli: “Ne arriveranno due come regalo di Natale”

Come avverrà la distribuzione del vaccino per il Coronavirus in Italia

Roberto Speranza ha spiegato che l’acquisto sarà centralizzato. E la distribuzione avverrà probabilmente con l’aiuto delle forze dell’ordine. Sarà realizzato un sito di stoccaggio nazionale e siti territoriali, per conservare un vaccino che ha bisogno di particolari temperature per potersi conservare al meglio. I vaccini saranno poi consegnate ai 300 punti vaccinali individuati in tutta Italia.

All’inizio le vaccinazioni si potranno fare negli ospedali e nelle unità mobili. Il personale adibito sarà arruolato tra le professionalità esistenti anche con bandi e inviti a partecipare alla campagna. Si pensa anche ad accordi con il ministero della Ricerca per contatti con le scuole di specializzazione medica.

Via | Ansa

Foto di Frauke Riether da Pixabay

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo