Va in pensione radiotelescopio di Arecibo, cacciatore di Et. E parte la campagna social

Va in pensione, per motivi di sicurezza, il radiotelescopio più celebre del mondo, quello di Arecibo, nell’isola di Porto Rico. Famoso per la caccia ai segnali di vita extraterrestre, con il progetto Seti (Search for Extra-Terrestrial Intelligence), e stato protagonista di celebri scoperte come le pulsar, tra le più intense sorgenti radio del cosmo, o il primo pianeta esterno al Sistema Solare. La decisione è stata presa dalla National Science Foundation (Nsf) degli Stati Uniti, che gestisce l’osservatorio. Costruito nel 1963, Arecibo è entrato nella cultura popolare come scenario dei film GoldenEye, della serie di 007, e Contact, con Jodie Foster, ispirato a un romanzo dell’astronomo Carl Sagan, padre del progetto Seti.

Arecibo ci riprova: “Giovani, scrivete il nuovo messaggio per contattare gli alieni”

Giacomo Talignani

19 Novembre 2018

La notizia della chiusura di Arecibo ha spiazzato la comunità scientifica, che ha lanciato una campagna social con l’hashtag #CosaAreciboSignificaPer Me. “Non so cosa dire, sarà difficile rimpiazzarlo”, spiega alla rivista Nature Robert Kerr, ex direttore dell’osservatorio. Si dice “totalmente affranto”, Abel Méndez, astrobiologo dell’Università di Porto Rico, tra i più assidui utilizzatori di Arecibo.

A rischio il più grande ‘orecchio’ del mondo, gli scienziati: ”Salviamo il radiotelescopio di Arecibo”

di MASSIMILIANO RAZZANO

13 Giugno 2016

Le rotture improvvise, ad agosto e inizio novembre 2020, di due cavi che supportano la struttura sospesa sulla grande antenna di Arecibo, del diametro di 305 metri, per decenni la più grande al mondo, hanno causato, come mostrano le immagini dall’alto, “danni troppo estesi da riparare”, spiega la Nsf, “con un grande buco dal quale è ben visibile la vegetazione sotto l’antenna”. Il rischio, spiega la Nsf, è che la rottura di un altro cavo possa fare precipitare sull’antenna la struttura sospesa in alto. Per questo, la Nsf, sta programmando di portarla in basso in modo sicuro. Per Ralph Gaume, direttore della divisione astronomia della Nsf, “tentare di testare la resistenza dei cavi rimasti, o di stabilizzare la struttura, potrebbe accelerarne il collasso”.

“Proxima b nel tempo potrebbe diventare abitabile”

13 Marzo 2020

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo