È italiana la prima stampante 3D che produce pezzi in ottone

Un’azienda italiana ha prodotto la prima stampante 3D in grado di usare leghe di ottone.  Si chiama 3D4BRASS, è prodotta da Ivano Corsini per Autebo e 3D4MEC ed è nata dall’esigenza della Rubinetterie Bresciane Bonomi.
La stampante 3D Powder Bed Fusion (PBF) è specializzata nel processo di tutte le leghe d’ottone con percentuale di zinco inferiore al 45% e che non contengono arsenico e può creare velocemente componenti funzionali per la validazione di preserie. Una rivoluzione nel mondo della stampa 3D per la produzione di componenti meccanici.

Con la nuova stampante, a tecnologia Powder Bed Fusion (PBF) è possibile produrre direttamente ottone senza utilizzare altri materiali come la cera o il collante, diversamente da tutti gli altri metodi produttivi utilizzati fino ad oggi con calchi e stampi che rallentano la produzione. In sostanza non viene prodotto lo stampo in 3D, ma direttamente il componente finale, senza passaggi intermedi.

La tecnologia Powder Bed Fusion è l’unica che permette  di produrre un componente 100% ottone, fondendo assieme le particelle di polvere che, una volta consolidate, creano componenti con caratteristiche meccaniche idonee a una produzione meccanica con un’altissima resistenza e una precisione di dettaglio fino agli 0.25 mm.

La tecnologia 3D4BRASS si adatta alla produzione di piccoli lotti e preserie e si rivolge soprattutto ai produttori di minuteria, gioielleria, rubinetteria, valvolame e di tutte le aziende che devono produrre oggetti di precisione.

Diversamente dalla produzione di uno stampo che impiega vari passaggi produttivi e lunghe settimane di lavoro, con la stampante 3D4BRASS si velocizza la produzione perché si possono stampare più preserie di diverse geometrie e dimensioni in un unico ciclo di stampa che richiede poche ore. I componenti così ottenuti sono funzionali e già pronti per essere utilizzati e venduti. 

La stampante 3D4BRASS sarà disponibile sul mercato a partire dal terzo trimestre del 2021 e avrà un prezzo di vendita che si aggirerà intorno a 400.000 euro. 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo