Scuola, consigli dell’esperto per rendere la DaD più efficace

La didattica a distanza, la famigerata DaD, nonè certamente semplice. Non è sufficiente avere una buona connessione a internet per aiutare i bambini a seguire le lezioni online. Ci vuole di più. Massimiliano Cavallo, uno dei maggiori esperti italiani di Public Speaking e autore del libro “Parlare in pubblico senza Paura” edizioni Anteprima, ha raccolto una sorta di decalogo per aiutare gli insegnati a rendere la DaD più efficace.

Consigli per la didattica a distanza

foto dei bambini sui socialShocked and surprised boy on the internet with laptop computer concept for amazement, astonishment, making a mistake, stunned and speechless or seeing something he shouldn’t see

  • Guardare la webcam. Proprio come se si avessero di fronte gli alunni. Il contatto visivo è fondamentale in una lezione dal vivo e lo è ancora di più quando ci si trova davanti a uno schermo.
  • Ideare nuove forme di coinvolgimento. Usare, ad esempio, oggetti di uso comune presenti in casa, che possano aiutare a far comprendere meglio la lezione e possano ‘sorprendere’ gli alunni o farli usare a loro. Oppure far sentire suoni che hanno a che fare con quanto si spiega o usare scritte su un foglio (o su più fogli) al posto di slide o di sola oralità.
  • Utilizzare video . Magari tratti da celebri film che, ad esempio, possano essere di supporto alla lezione.
  • Puntare sulle immagini. La vista è 25 volte più veloce degli altri sensi. Non a caso dedichiamo il 50% dei processi cognitivi per elaborare contenuti visuali. Un’immagine viene interpretata dal cervello antico e intermedio in circa 100 millisecondi.
  • Creare suspance. Potrebbe essere utile lasciare in sospeso un argomento, che si riprenderà dopo, e passare ad un altro per alzare l’attenzione e creare attesa.
  • Fare domande. Lo scopo è quello di coinvolgere gli studenti.
  • Usare lo smartphone. Trasformarlo da amico ad ‘alleato’ della lezione. Si può, per esempio, chiedere agli alunni di cercare una notizia o una parola chiave su Google, farli navigare su un sito specifico, trovare un’immagine legata alla lezione, ecc.
  • Lanciare sondaggi.
  • Preparare la lezione. Non improvvisare solo perché si è padroni della materia. I tempi della didattica cambiano quando ci si trova davanti a un pc e bisogna adattare quindi la propria lezione prevedendo anche eventuali imprevisti.
  • Ritmi veloci. Il ritmo dell’eloquio deve essere più veloce di quello che si tiene in aula.
  • Raccontare storie.
  • Raccontare aneddoti personali.
  • Muovere le mani. Secondo Cavallo, è come il grassetto in un testo.
  • Usare focalizzatori di attenzione. Sono semplici passaggi, come “ascoltate bene ora”, “questa parte è importante”, “quello che sto per dirvi e fondamentale”.
  •  Semplificare il linguaggio.
  • Trasmettere passione

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo