Metodo Ramzi, cos’è e funziona davvero?

Tutto sul metodo Ramzi: come, dalla placenta, sarebbe possibile scoprire il sesso del nascituro.

Metodo Ramzi, cos'è e funziona davvero?
Avete mai sentito parlare del metodo Ramzi? Nei forum dedicati alla gravidanza gli esempi sono tanti, ma molti si chiedono se sia veramente efficace nel suo intento e come funzioni effettivamente. Se vi abbiamo incuriosito, continuate a leggere per scoprirne di più.

Maschio o femmina? Il sesso del nascituro si può scoprire a 8 settimane

Maschio o femmina? Il sesso del nascituro si può scoprire a 8 settimane

Sarà maschio o femmina? Come si può conoscere il sesso del nascituro? Di norma ci vuole l’ecografia morfologica per avere la sicurezza del sesso, oggi con un nuovo esame si può scoprire all’ottava settimana.

Cos’è il Metodo Ramzi

Di metodi per determinare il sesso del nascituro ne esistono decine. Alcuni sono attendibili, altri sembrano essere delle trovate derivanti da credenze popolari. Il metodo Ramzi, in particolare, parte dalla convinzione del suo ideatore – il dottor Saad Ramzi Ismail, appunto – che già dalla prima ecografia si possa capire se il bebè che si sta aspettando sia una femminuccia o un maschietto. Come? Semplicemente dalla placenta.

Come funziona il metodo Ramzi

Ebbene, studiando la posizione di quest’ultima già a partire dalla sesta/ottava settimana di gravidanza sarebbe possibile, sempre secondo il medico, capire il sesso del nascituro. In particolare, si aspetterebbe un maschietto nel caso in cui la placenta sia posizionata a destra dell’utero; una femminuccia in caso di placenta posta a sinistra. Molto semplice, ma sarà vero?

Scoprire il sesso del nascituro: 6 credenze popolari

Scoprire il sesso del nascituro: 6 credenze popolari

Ecco le più diffuse credenze popolari volte a scoprire il sesso del bebè

Il metodo Ramzi è attendibile?

Funziona davvero? C’è da sottolineare come tale credenza sia il risultato di uno studio effettuato dal medico su 5376 gravidanze nell’arco del decennio 1997-2007. Ebbene, in più del 97% dei casi il risultato è corrisposto alle premesse. Ma è veramente attendibile? In realtà sarebbe solo una teoria, peraltro non riconosciuta né validata, quindi non così affidabile ed attendibile. A sostegno del metodo esiste il solo studio condotto dal medico. Crederci, tuttavia, non richiede alcuno sforzo da parte vostra, non consiste in alcun esame invasivo o doloroso né comporta dei costi aggiuntivi.

Photo | Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo