Picacismo nei bambini, cos’è e come si cura

Tutto quello che c’è da sapere sul picacismo, disturbo del comportamento alimentare che può colpire anche i più piccoli

Picacismo nei bambini, cos'è e come si cura

Cos’è il picacismo e come si manifesta nei bambini ma, soprattutto, come si cura? Andiamo con ordine. Noto anche come “allotriofagia”, costituisce un disturbo del comportamento alimentare piuttosto bizzarro. Non si tratta, infatti, di pura golosità, ma di un impulso irrefrenabile che spinge i piccoli, ma anche gli adulti, a mangiare determinate cose. Scopriamone di più.

7 consigli per evitare i capricci dei bambini a tavola

7 consigli per evitare i capricci dei bambini a tavola

Ecco alcuni consigli utili per i genitori per contrastare i capricci dei più piccoli a tavola

Cos’è il picacismo

Come anticipato, si tratta di un disturbo alimentare che, nei fatti, spinge il bambino a mangiare sostanze strane e assolutamente non commestibili quali terra e sassi, gomma, bottoni, cotone, detersivi, capelli, carta, feci. Deve il suo nome alla gazza pica-pica nota per la sua abilità nell’adattarsi in ambito alimentare e mangiare  indiscriminatamente tutto ciò che trova. Si tratta di un disturbo piuttosto raro intorno al quale esistono oggi pochi studi e certezze ma anche parecchio interesse, specie sotto l’aspetto psichiatrico correlato. Nei bambini si manifesta più frequentemente nell’età compresa tra 3 e 6 anni ed ancora più frequentemente in quelli che sono affetti da celiachia o da parassiti.

Significato di picacismo

Con il termine picacismo si intende letteralmente un’alterazione del senso del gusto e, allo stesso tempo, un disturbo alimentare determinato dal desiderio di mangiare sostanze non nutritive, non commestibili o di cattivo sapore. Si può parlare di disturbo nel momento in cui tale abitudine permane nel soggetto per più di un mese. 

Dieta vegana per bambini: non sottovalutare i danni neurologici

Dieta vegana per bambini: non sottovalutare i danni neurologici

Dieta vegana per bambini, gli esperti sottolineano che non bisogna mai sottovalutare i danni neurologici.

Come si cura il picacismo

Il picacismo nei bambini può comparire spontaneamente, durare per diversi mesi e poi scomparire altrettanto spontaneamente. Non esistono ancora delle cure adatte ma si può iniziare con un’analisi delle cause che ne stanno alla base (la volontà dei piccoli di attirare l’attenzione dei genitori, ad esempio) e trattarle con un’adeguata terapia psicologica. Una “variante” del disturbo si manifesta nei desiderio di ingerire alimenti crudi come patate, ghiaccio, farina, pasta, carne. Ovviamente non si può parlare di picacismo nei bambini di età inferiore ai due anni, nei quali non si è ancora delineata una consapevolezza alimentare, che portano alla bocca qualsiasi cosa si ritrovino in mano per pura curiosità.

Photo | Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo