La strada più infestata negli Stati Uniti: Ghosts of Varina Parkway

Forse gli spiriti più famosi della contea di Henrico sono i “cavalieri fantasma” che sono emersi durante la costruzione e il primo utilizzo della Pocahontas Parkway più di dieci anni fa. Giornali e riviste provenienti dalla lontana Australia hanno riportato gli strani fenomeni che hanno fatto notizia per la prima volta nell’estate del 2002.

I rapporti iniziali erano incentrati su un incidente in cui un camionista a lungo raggio ha visto un trio di guerrieri indiani indossare calzoni, portare torce e camminare nel mezzo della strada panoramica appena aperta.

Mi piace anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Supponendo che gli indiani stessero organizzando una protesta, l’autista del camion ha suonato un colpo di clacson di avvertimento a due ulteriori portatori di torce che ha visto nei suoi fari e ha riferito l’incidente al casello.

Il pedaggio – a conoscenza di simili racconti inquietanti di numerosi automobilisti e operai edili – ha presentato un rapporto ufficiale. Tra le altre storie che giravano all’epoca c’era quella di un ingegnere che lavorava di notte per finire la strada panoramica e riferì che lui e diversi operai edili avvistarono un indiano a cavallo in fondo al ponte.

L’indiano sembrava guardarli dall’interstatale sottostante – e proprio mentre stavano per cacciarlo via, dicendogli che i cavalieri non sono ammessi sull’interstatale, l’uomo e il suo destriero sono scomparsi.

Altri addetti ai caselli hanno descritto degli spiritosi burloni a cui piaceva picchiare sul retro degli edifici di manutenzione in metallo. Un pedaggio ha perso l’appetito mentre stava per fare una pausa per un pasto di mezzanotte, dopo aver visto la sua lattina di soda spostarsi da un posto all’altro sul tavolo.

I lavoratori di Plaza hanno anche riferito di aver visto figure spettrali correre avanti e indietro intorno alla banchina di carico e di sentire tamburi mescolati a canti, urla e ululati acuti emessi da dozzine di voci.

I residenti di lunga data che vivono su un terreno adiacente alla strada panoramica non sono stati sorpresi dalle notizie , avendo sentito per decenni rumori notturni simili a tamburi e canti.

Ron Hadad, proprietario di Hadad’s Lake, ha vissuto a meno di un miglio dal casello autostradale per quasi 50 anni e ricorda che sua madre giurò di aver sentito “fischi e urla” molto prima che l’autostrada fosse mai costruita.

Anche se Hadad non ha mai visto fantasmi, menziona che la figlia di un capo indiano locale una volta gli disse che ci sono molti spiriti nella zona. Hadad suggerisce di non essere incline a negare l’esistenza di tali spiriti.

Dopotutto, dice: “Ho visto l’espressione sul viso di mia madre”.

È nata una leggenda

In uno scavo pre-costruzione nel sito della piazza del pedaggio guidato da archeologi del College of William and Mary, gli scavi hanno trovato manufatti dei nativi americani risalenti a 6.000 anni fa e gli storici hanno ipotizzato che l’area fosse abitata fino al 3500 a.C.

Non c’è dubbio che la strada panoramica attraversi il sito di antichi villaggi indiani e che la piazza del pedaggio in particolare si trovi su un cimitero indiano.

Quindi sicuramente, i nativi americani avevano motivo di essere arrabbiati per una moderna superstrada che solcava le loro antiche zone di caccia e pesca e l’antico luogo di riposo. Eppure i portavoce delle tribù della zona hanno insistito sul fatto che nessuna campagna o protesta anti-parkway è stata mai organizzata, almeno da nativi viventi.

Chris Dovi, un giornalista che ha coperto gli incidenti del 2002 per il Richmond Times-Dispatch, ricorda di aver intervistato le forze dell’ordine statali e diversi lavoratori del pedaggio ed ha esaminato numerosi rapporti sugli incidenti su vaghi contorni di figure indiane che sfrecciavano avanti e indietro – e talvolta anche attraverso – il edifici plaza. Si diceva che anche gli indiani a cavallo avessero cavalcato attraverso auto e camion di passaggio mentre attraversavano la carreggiata.

Le descrizioni delle immagini viste intorno alla piazza del pedaggio variavano, dice Dovi, ma la maggior parte descriveva le figure come “un [fully-formed] torso con una testa indistinta. “

Sebbene i soldati abbiano risposto a dozzine di chiamate, l’unico che ha visto qualcosa è stato un ufficiale che ha seguito le segnalazioni di un’immagine spettrale dietro l’edificio degli uffici del casello, che presumibilmente è apparso nel filmato della telecamera di sicurezza.

“Così hanno chiamato il soldato”, ricorda Dovi, “e [the image] era ancora fuori. Il soldato è impazzito. “

Anche la portavoce della polizia dello Stato della Virginia Corinne Geller ha visitato la piazza e ha detto a Dovi di essere innervosita dagli ululati e dai lamenti che ha sentito, che non potevano essere facilmente spiegati.

“Una sera ho convinto Corinne a uscire con me”, dice Dovi, sottolineando che passavano le ore da mezzanotte alle 3 o alle 4 del mattino sulla scena.

“Abbiamo sentito tamburi e urla abbastanza frequentemente, intermittenti e in lontananza”, dice Dovi, che ora è affiliato con Richmond Magazine e la stazione radio WRIR. “Se dovessi speculare su cosa fosse, direi oche. Ma non c’era specchio d’acqua [near the sound]e quando Corinne e io ci avvicinavamo, si fermava.

“Abbiamo trascorso buona parte della serata girovagando e ogni volta che lasciavamo una zona, lo sentivamo di nuovo.”

Parkway “Pocahaunted”

Una volta scoppiata la storia della Parkway “Pocahaunted”, come era stata ora soprannominata, di notte i cacciatori di fantasmi dilettanti si riversavano sulla strada panoramica. Parcheggiando illegalmente sul ciglio della strada e sui cavalcavia, gli amanti del brivido hanno portato refrigeratori e si sono sdraiati sulle coperte da picnic, sperando di sentire i tamburi o di intravedere le apparizioni spettrali.

Così tanti visitatori hanno iniziato a parcheggiare illegalmente e sconfinando nella vicina proprietà privata, infatti, la polizia statale e di contea ha dovuto fare gli straordinari per controllare la folla e il giornale ha pubblicato un altro articolo in cui avvertivano i pericoli.

Nella zona sono scesi anche cacciatori di fantasmi professionisti e investigatori sul paranormale, ricorda Hadad. “Si sono messi in fila sulla 895 per un miglio aspettando solo qualcosa”, dice, “con tutte le loro macchine”.

Un investigatore del paranormale che conosceva un po ‘la lingua algonchina ha tentato di comunicare con gli spiriti nella loro antica lingua.

Come ha successivamente riportato sul suo sito web, “Le prime parole avevano appena lasciato la mia bocca quando ho sentito un suono scoppiettante e sibilante e sono rimasto sorpreso nel vedere quello che sembrava essere un fulmine orizzontale che veniva lentamente verso di me, a un’altezza di circa sei piedi dal suolo. Ha colpito il tumulo davanti a me e una crepa gigante
aperto.”

Dalla fessura, ha scritto l’investigatore, sono apparse le facce di volpi, coyote e castori, ricordando l’antica leggenda indiana che gli spiriti ritornano in forma animale. “Il più eccezionale di tutti”, ha detto, “era lo Spirito del Grande Lupo Bianco, che presumibilmente veglia su tutto ciò che è sepolto lì”.

Macchine fantasma

Ma gli avvistamenti indiani e i canti disincarnati non erano gli unici eventi inquietanti che si sono verificati intorno al Parkway e alla piazza del pedaggio. Meno ben pubblicizzati sono gli spiriti che apparentemente guidavano auto e sono stati incontrati da più di un pedaggio e agente, secondo Dovi.

“Ho parlato con un gruppo di signore della piazza, [who said] sentirebbero arrivare una macchina e percepirebbero una macchina ”, ricorda Dovi. “L’auto passerebbe attraverso il casello e sposterebbe persino l’aria, ma non ci sarebbe auto.”

Una notte, un soldato era in piedi vicino al casello e ha percepito, ma non ha mai visto, un’auto in avvicinamento.

“È saltato fuori strada”, ha detto Dovi. “Aveva paura di essere colpito.”

Anche Ron Hadad può raccontare storie di macchine fantasma, sebbene gli eventi siano accaduti decenni fa, quando era un giovane adulto che viveva nella casa della piscina nella proprietà dei suoi genitori.

Di tanto in tanto, a tarda notte, Hadad e il suo cane, Zeus, si svegliavano al rumore di un’auto sulla ghiaia fuori dal finestrino. Sentendo un parcheggio vicino alla sua stanza e sentendo dei passi che si avvicinavano sulla ghiaia, Hadad si alzava e andava alla finestra per vedere chi c’era. Ogni volta non trovava niente.

“Naturalmente proverai a guardarlo dal punto di vista logico”, dice Hadad, che ha fatto del suo meglio per cercare di spiegare i suoni. “Sono in giro abbastanza a lungo da sapere che il suono trasporta, soprattutto di notte; e allora – prima che costruissero [the parkway] – potresti sentire I-95. “

Ma la sua casa era in mezzo al bosco, dice, e anche il suo cane sentiva i suoni. “Zeus era un cane intelligente”, dice Hadad. “Quindi, se stavo impazzendo, lo era anche il mio cane.

“Non posso spiegarlo. I capelli sulla parte posteriore del collo sono in piedi mentre ne parlo. “

Sebbene siano passati anni dalle esperienze notturne di Hadad e le notizie sui fantasmi della Pocahontas Parkway siano scomparse nel decennio successivo, non si può negare che alcuni eventi insoliti abbiano circondato l’apertura della strada.

Per un po ‘di tempo circolavano voci secondo cui il Dipartimento dei trasporti della Virginia aveva filmato le prove dei fantasmi, comprese le immagini di un indiano a cavallo che camminava attraverso il casello, ma che il nastro era stato “perso” e la storia nascosta. D’altra parte, gli scettici hanno sollevato il sospetto che l’intera faccenda fosse una trovata pubblicitaria, progettata per attirare più automobilisti verso la nuova strada a pedaggio costosa e sottoutilizzata.

Qualunque sia la fonte del rumore e degli avvistamenti, tuttavia, non c’è dubbio che gli eventi abbiano valso alla Pocahontas Parkway, almeno fugacemente, una misura di fama internazionale.

E molti sono i credenti che concordano sul fatto che si sia guadagnata anche il titolo conferito da un cercatore di curiosità: “forse la strada a pedaggio più infestata negli Stati Uniti, persino nel mondo”.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo