F1, perché la morte di Niki Lauda può cambiare per sempre il team Mercedes

Solo Ferrari, nella storia della Formula 1, ha dominato questo sport in modo similare, vincendo sei campionati costruttori tra il 1999 e il 2004. Ma come insegna proprio Ferrari e la sua storia recente, a tanti successi può seguire un lungo inverno.

In Mercedes lo sanno, anche se si sentono e restano i favoriti. Ma che cosa succederà adesso che Lauda è morto? Chi guiderà la scuderia? Che prenderà il posto del Lauda che, con razionalità, chiuse la porta a Schumacher per portare Hamilton in Mercedes? 

La domanda non è fuori luogo, dal momento che il contratto con la Mercedes di Toto Wolff – che insieme a Lauda possiede il 40% delle azioni del team – scade nel 2020. Dopo quella data Liberty Media – la società che ha rilevato il circus della Formula 1 da Bernie Ecclestone – vorrebbe, secondo indiscrezioni non smentite dagli interessati – proprio Toto Wolff come amministratore delegato. Ma visto il ruolo ricoperto in Mercedes da Wolff, la società americana di mass media che detiene la maggioranza delle azioni della Formula 1 dovrà, per regolamento, ottenere il consenso scritto di Ferrari.

Già, la Ferrari. «Tutti i piloti sognano la Ferrari», ha detto Wolff a chi, nei giorni scorsi, gli chiedeva di commentare la notizia secondo cui Hamilton – anche il suo contratto Mercedes scade nel 2020 – vorrebbe terminare la sua carriera in Ferrari (magari dopo aver raggiunto e superato, vincendo il titolo in questa e nella prossima stagione, i record di Schumacher). «Siamo pronti», ha detto Wolff.

Ma la Mercedes stravincente potrebbe davvero fare a meno di Lauda, Wolff e anche Hamilton? Di certo sarebbe un’altra scuderia. In un altro campionato. Nei prossimi 18 mesi si giocherà anche la partita del nuovo regolamento che entrerà in vigore nel 2021. Storicamente, i cambi di regolamento hanno sempre ottenuto l’obiettivo per cui sono stati introdotti: sfavorire i favoriti. È successo con le nuove regole sugli pneumatici, che hanno interrotto il dominio Ferrari. E poi con l’introduzione del motore ibrido, che ha chiuso l’era della Red-Bull imperdibile del genio dell’aerodinamica Adrian Newey.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo