Operazione Aderlass, microdosi di una sostanza speriementale per il doping

SARRAN – Si chiama H7379 Hemoglobin Human, ha un effetto simile all’EPO, non è disponibile sul mercato farmaceutico ma i ciclisti la conoscono eccome. L’indagine penale austro-tedesca, che sta indagando sui risultati dell’Operazione Aderlass, nata dal blitz ai Mondiali di sci nordico 2019 a Seefeld, ha informazioni riguardanti l’utilizzo nel ciclismo di microdosi di H7379 nel 2016 e 2017. I campioni, relativi al Tour 2017 in particolare, sarebbero già stati riesaminati dalla Cadf, la fondazione antidoping, e l’Uci sarebbe in possesso di una lista di corridori, forse una cinquantina. La svolta nell’indagine un mese fa, quando, ha rivelato il giornale belga Het Nieuwsblad, è stato arrestato un commerciante croato che fungeva da fornitore di Mark Schmidt. Nel maggio 2019 l’inchiesta, partita dallo sci di fondo, ha portato a galla i casi di ciclisti ed ex ciclisti come Stefan Denifl, Georg Preidler, Alessandro Petacchi, Danilo Hondo, Kristijan Koren, Borut Bozic e Kristijan Durasek.

A dispetto del nome H7379 Hemoglobin Human sarebbe un prodotto sintetico, prodotto in laboratorio. L’effetto è lo stesso dell’uso dell’EPO: l’ossigeno assorbito nei polmoni viene trasferito più rapidamente ai tessuti che ne hanno bisogno e le prestazioni ne trovano giovamento. H7379 non è disponibile sul mercato farmaceutico, è un prodotto sperimentale, ma sul mercato nero del web può già essere acquistato al prezzo di 56,8 euro per 1 grammo e 314 euro per 10 grammi.

C’è un problema economico, però: l’Uci è a corto di denaro e non ha i controlli antidoping in cima alla lista delle priorità. Per questo l’operazione di smascheramento dei colpevoli va a rilento. La sostanza non era rintracciabile allora, con i normali controlli dell’epoca 2016-2017, lo è invece adesso. In genere i casi di doping presunto vanno in prescrizione dopo un periodo di tempo di 8 anni. Qui saremmo ampiamente nei limiti. Il Tour 2017, il cuore di tutta questa vicenda e su cui sono puntati i fari dell’indagine, fu vinto da Chris Froome su Uran e Bardet.
 

ciclismo e doping

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo