Come affrontare i nuovi focolai di CoViD-19

La speranza che il SARS-CoV-2, il coronavirus che causa la CoViD-19, se ne fosse andato così com’era venuto si è definitivamente spenta. In varie zone d’Europa sorgono nuovi focolai epidemici, i casi aumentano e con essi le misure restrittive. La Spagna, uno dei primi Paesi dove i numeri sono ricominciati a salire, nel momento in cui scriviamo conta oltre 260.000 casi attivi; la Francia quasi 200.000; il Regno Unito oltre 293.000; l’Italia circa 25.000 (qui i dati del mondo aggiornati in tempo reale). Le parole “seconda ondata” sono (impropriamente) sulla bocca di tutti, c’è chi teme una seconda quarantena e chi invece sostiene che il virus non sia più letale come prima. Quello che è importante sottolineare guardando ai nuovi numeri della covid (che, lo ripetiamo spesso, vanno comunque presi con le pinze e contestualizzati) è che non possono essere paragonati a quelli della scorsa primavera: durante la quarantena, infatti, i tamponi effettuati erano in quantità di gran lunga minore rispetto ad ora, e i casi erano di più e più gravi. Ora che la pandemia sembra essere un po’ più sotto controllo, si effettuano test anche a chi è asintomatico o con sintomi lievi e anche per questo si rilevano più casi.

 

Se è vero che capire come andrà a finire è ancora impossibile, diventa fondamentale capire come comportarsi per contrastare una nuova diffusione del virus. La rivista The Conversation ha provato a chiedere a tre esperti di diverse nazionalità (francese, britannica e spagnola) quale sia il modo migliore di affrontare l’insorgere di nuovi focolai epidemici in Europa: ecco cos’hanno risposto.

CoViD-19: quale efficacia dovrebbe avere un vaccino per interrompere la pandemia?

La visione francese. Secondo Dominique Castagliola, epidemiologa all’Istituto nazionale francese per la ricerca sulla salute e la medicina (INSERM), è ancora difficile sapere quanto si stia sottostimando la pandemia: uno studio recente (ancora non rivisto in peer-review) ha fatto emergere che a maggio, in Francia, veniva rilevato solamente un sintomatico su dieci.

 

L’immunità di gregge, fondamentale per porre fine all’incubo pandemia, è molto difficile da raggiungere senza un vaccino: se il virus circolasse in modo uniforme (e nel caso di SARS-CoV-2 sembra essere vero il contrario), dovrebbe infettarsi il 60-70% della popolazione – o, come suggeriscono alcuni, “solo” il 50% (ma attualmente appena il 10% della popolazione mondiale ha contratto l’infezione).

 

Sarebbe pericoloso lasciare circolare liberamente il virus in alcuni gruppi specifici, ad esempio i giovani, sperando che lavori “a compartimenti stagni”: i giovani non vivono separati dai più anziani, e prima o dopo finirebbero con infettare anche le fasce più deboli. Castagliola porta ad esempio la Florida, dove «per due o tre settimane sono aumentati i casi, ma non i ricoveri e i decessi». Un po’ come sta accadendo anche in Itala: il virus si sta propagando tra una popolazione più giovane, e per questo ricoveri e decessi sono (per ora) bassi. Ma si tratta solo di una situazione momentanea: per diversi motivi, tra cui il fattore tempo (la malattia deve fare il suo corso), i dati su decessi e ricoveri iniziano a salire tra le tre e le sei settimane dopo l’aumento dei contagi. E se la Francia aspetta ad agire, «sarà troppo tardi», mette in guardia Castagliola. Cosa fare? Quello che si ripete da inizio pandemia: «controllare la circolazione del virus isolando i contagiati e tracciando i loro contatti rapidamente: questa è l’unica opzione per i prossimi mesi».

Casi giornalieri coronavirus

Un grafico che mette a confronto i casi giornalieri (aggiornati al 31 agosto, qui gli aggiornamenti in tempo reale) di Francia, Spagna, Italia e Regno Unito. Clic sull’immagine per ingrandirla.
| Ourworldindata | CC BY

Possiamo liberarci della covid senza un vaccino?

La visione britannica. Jasmina Panovska-Griffiths, professoressa alla UCL, sottolinea che il fatto che i casi stiano aumentando può significare tre cose: che ci troviamo di fronte a una seconda ondata; che l’epidemia si stia espandendo per aree, in focolai localizzati; oppure che siamo nel mezzo di un’unica, grande ondata. Se è vero che per ora è impossibile sapere di fronte a quale scenario ci troviamo, «è fondamentale comprendere meglio la situazione prima di riaprire le scuole». Secondo Chris Witty, consulente medico del governo, la Gran Bretagna avrebbe «raggiunto i limiti di ciò che può fare per tenere il coronavirus sotto controllo».

 

Gli studi di Panovska-Griffiths supportano le idee della collega francese: di fronte a questa nuova ondata di contagi, è fondamentale testare, tracciare e isolare gli infetti e le persone con cui sono state a contatto, realizzando il maggior numero di test PCR possibili non appena si presentino i sintomi.

Mascherine e distanza fisica riducono in modo importante i contagi da COVID-19

La visione spagnola. Ignacio López-Goñi, professore di microbiologia alla Universidad de Navarra, sostiene che valutare la situazione è piuttosto complesso, soprattutto perché non esiste una definizione univoca, accettata globalmente, di cosa sia un caso di covid-19. In Spagna vi è inoltre il problema della discrepanza (che López-Goñi definisce «incomprensibile») tra i dati riferiti dal governo centrale e quelli comunicati dalle comunità autonome, dovuta a un diverso modo di considerare quali siano i nuovi contagi.

 

Quel che è certo è che la situazione attuale non è paragonabile a quella di aprile: ora, spiega López-Goñi, «stiamo effettuando migliaia di PCR, e analizzando la “parte sommersa” dell’iceberg. In piena pandemia ne rilevavamo solo la punta». Nonostante la situazione non sia (per ora) allarmante, la tendenza è molto preoccupante: ogni settimana vengono identificati nuovi focolai epidemici, e i numeri continuano a salire. Per questo è fondamentale mantenere sotto controllo i contagi, adottando le misure di sicurezza che ormai dovremmo conoscere (e applicare) tutti: mascherine, distanziamento sociale e igiene. «È bene evitare luoghi chiusi e affollati», sottolinea inoltre López-Goñi, che ricorda: «Il virus non conosce frontiere: è fondamentale essere coordinati, tracciare i nuovi contagi e imporre nuove quarantene mirate nelle zone più colpite. Bisogna evitare in ogni modo che il virus raggiunga nuovamente gli ospedali».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo