i sintomi e la terapia per l’arterite temporale

Si chiama malattia di Horton ma anche arterite temporale ed è una vasculite autoimmune che può compromettere la vista in maniera grave

Malattia di Horton

La conosciamo come malattia di Horton, ma anche come arterite temporale e arterite gigantocellulare o a cellule giganti e si tratta di una patologia autoimmune che va a colpire principalmente le arterie di collo e testa portando anche alla cecità totale, nei casi gravi. Questo tipo di vasculite non ha cause conosciute, ma si sospetta che alla base possano esserci infezioni, come quelle da parvovirus B19, o anche adenovirus.

A livello di epidemiologia, la malattia di Horton colpisce la popolazione al di sopra dei 50 anni, con una particolare incidenza intorno ai 70 o 75 anni. Ad esserne affette maggiormente sono più le donne rispetto agli uomini, circa il 50% in più, come si è notata una maggiore incidenza tra i gruppi etnici di origine nordeuropea.

Per quanto riguarda i sintomi, il mal di testa è senza dubbio il primo campanello d’allarme, soprattutto quando il dolore è costante e frequente, ma anche il dolore al collo, la claudicatio della mandibola, il dolore a livello di cuoio capelluto e i disturbi alla vista sono molto frequenti.

Problemi alla vista negli anziani: i rischi da non sottovalutare

Problemi alla vista negli anziani: i rischi da non sottovalutare

Problemi alla vista negli anziani: ecco quali sono i rischi che non dovreste sottovalutare

La diagnosi della malattia di Horton avviene per valutazione delle caratteristiche del paziente, quindi età, presenza di sintomi riconducibili al disturbo, palpazione dell’arteria temporale. Ma l’arterite a cellule giganti può anche essere diagnosticata tramite biopsia dell’arteria temporale, ma anche attraverso esami ematici specifici, che vadano a rilevare l’infiammazione.

Il trattamento della malattia di Horton è in genere a base di glucocorticoidi, spesso associati ad agenti immunosoppressori aggiuntivi. E trattandosi di una patologia che colpisce soprattutto la popolazione anziana, la cura viene talvolta unita a terapia antipiastrinica o anticoagulante per ridurre il rischio di eventi ischemici.

Foto | iStock

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo