rischio di mortalità maggiore per chi è in sovrappeso

Un indice di massa corporea BMI superiore a 30 si associa anche a maggiori rischi per la salute in caso di infezione da Covid-19, a dirlo è uno studio recente

Coronavirus obesità rischi

Un sovrappeso importante è associato soprattutto a malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2, ma un fisico con un indice di massa corporea o BMI superiore a 30, potrebbe essere più a rischio anche in caso di infezione da Covid-19, con una maggiore incidenza di ricovero in terapia intensiva, ma non solo.

Da una ricerca basata su dati internazionali, chi soffre di obesità avrebbe il 48% di probabilità in più di morire per Coronavirus, ma anche di rilevare una minore efficacia contro il virus da parte di un eventuale vaccino somministrato.

A dirlo è un nuovo studio basato su report provenienti da Cina, Stati Uniti, Italia e Inghilterra, dove la ricerca sul Covid e il monitoraggio dell’infezione, dal punto di vista di sintomi, cure sperimentali ed effetti a lungo termine della malattia, sono diventati un argomento particolarmente caldo.

Covid-19 in Italia, aumentano i casi di Coronavirus e scende l'età media

Covid-19 in Italia, aumentano i casi di Coronavirus e scende l’età media

Secondo l’ultimo report del Ministero della Salute, i casi di Coronavirus aumentano in Italia e scende l’età media.

I dati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Obesity Reviews e hanno mostrato come le probabilità di un ricovero ospedaliero e di complicanze da Sars-Cov2, fossero del 113% maggiori per un soggetto obeso rispetto ad uno in salute e con un BMI normale.

Le percentuali sono allarmanti e parlano chiaro. Le persone obese corrono un rischio maggiore del 47% di finire in terapia intensiva, ma soprattutto il 48% di possibilità in più di morire a causa del Covid. Il motivo di questa correlazione è spiegato dal dottor Barry Popkin, della UNC Gillings Global School of Public Health e responsabile della ricerca in questione.

Secondo il medico, l’obesità si lega a condizioni mediche sottostanti come malattie cardiache e diabete, ma anche insulino resistenza e cambiamenti metabolici che rendono più difficile per il corpo combattere le infezioni. Si sommano a questo anche ulteriori disturbi che mettono i pazienti obesi in una condizione di maggiore rischio per la salute, come sostenuto dalla dottoressa Melinda Beck:

Gli individui con obesità hanno anche maggiori probabilità di sperimentare disturbi fisici che rendono più difficile combattere questa malattia, come l’apnea notturna, che aumenta l’ipertensione polmonare, o un indice di massa corporea che, in un ambiente ospedaliero, aumenta le difficoltà ad intubare

Dr. Melinda Beck

Sintomi del Covid-19 a lungo termine: i disturbi che possono restare post guarigione

Sintomi del Covid-19 a lungo termine: i disturbi che possono restare post guarigione

I ricercatori del North Bristol NHS Trust hanno isolato alcuni sintomi che possono permanere nei pazienti guariti dal Covid-19. Si tratta di disturbi a lungo termine molto comuni.

Per quanto riguarda i vaccini, anche in questo caso i pazienti affetti da obesità, hanno molto da perdere a causa della propria condizione difficile:

Sappiamo che un vaccino per il Covid avrà un effetto positivo anche sulle persone obese, ma sospettiamo, da tutta la nostra conoscenza dei test sul vaccino Sars e sul vaccino antinfluenzale, che possa risultare anche meno efficace

Dr. Barry Popkin

Questo studio, nato da una collaborazione tra l’Università della Carolina del Nord (UNC), il Consiglio saudita per la salute e la Banca mondiale, mira a fare pressione sui governi mondiali per attivarsi in modo più efficace nel contrasto dell’obesità e del sovrappeso. Ad oggi causa di scarsa qualità della vita per chi ne è affetto, ma anche un enorme costo per i sistemi sanitari nazionali.

L’obesità resta, nel nostro mondo occidentale, una delle maggiori cause di accorciamento dell’aspettativa di vita a causa di ictus, infarto, complicanze da diabete di tipo 2. In Messico e in Ungheria, una tassazione imponente sul cibo e le bevande spazzatura ha ridotto di molto il problema, ma in alcune aree del mondo è essenziale agire su più fronti per avere risultati duraturi.

Un incentivo in più deriva dagli esiti dello studio di cui abbiamo parlato. Un BMI sano non solo aiuta a vivere meglio e di più, ma diminuirebbe anche i rischi per la salute da Coronavirus. Sottovalutare questi dati è da superficiali, speriamo che i governi lo comprendano.

Foto | iStock

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo