Nei primi quattro mesi dell’anno aumenta la vendita di vino nella Gdo (+7,9%)

Consumi e lockdown

Secondo i dati elaborati da Vinitaly e Iri in aumento gli acquisti di brick, Prosecco e Doc. La crescita è significativa, ma non basta a colmare il gap di domanda creato dalla chiusura del canale horeca

di Giorgio dell’Orefice

default onloading pic(Imagoeconomica)

Secondo i dati elaborati da Vinitaly e Iri in aumento gli acquisti di brick, Prosecco e Doc. La crescita è significativa, ma non basta a colmare il gap di domanda creato dalla chiusura del canale horeca

3′ di lettura

Nel corso del lockdown si è bevuto più vino tra le mura domestiche. Lo avevano già segnalato le principali insegne del wine delivery come le piattaforme specializzate dell’e-commerce e ora viene certificato anche dal canale che anche in tempi normali veicola la maggior parte dei volumi di vino in Italia: la grande distribuzione. Secondo i dati elaborati da Vinitaly e Iri nel periodo tra il primo gennaio e il 19 aprile, quindi comprendendo anche le cifre relative alle festività pasquali, le insegne della grande distribuzione organizzata (Iper, super, libero servizio e discount) hanno registrato un incremento degli acquisti di vino del 7,9% in volume e del 6,9% in valore.
Un rimbalzo davvero rilevante considerato che l’emergenza Covid-19 copre meno della metà del periodo preso in esame e cioè l’intero mese di marzo e 19 giorni di aprile. Tanto è bastato però per imprimere una forte accelerazione alle vendite dopo che i primi due mesi dell’anno con ogni probabilità erano stati, in linea con il 2019, all’insegna della stabilità se non di un timido progresso.

Tuttavia – va sottolineato – questo positivo trend di vendita registrato sugli scaffali della Gdo nazionale, insieme alle vendite realizzate dall’universo dell’e-commerce, di certo non potrà compensare la vera e propria voragine nei consumi dovuta alla chiusura del canale di bar e ristoranti.

I vini più venduti
Interessanti anche i numeri relativi alle singole tipologie di vino più consumate. Molto positivi i dati per le etichette Doc e Docg le cui vendite sono aumentate del 9,9% mentre le bottiglie Igt sono cresciute del 4 per cento. Il clima da quarantena certo non ha favorito la voglia di festeggiare come dimostrato dal calo del 5,4% registrato dalle vendite di spumanti. Un trend dal quale si è invece sganciato il Prosecco che con una crescita dell’8,3% in totale controtendenza con il settore dimostra di aver beneficiato invece della nuova moda degli aperitivi a distanza.

I dati di Vinitaly-Iri dimostrano che nel periodo di lockdown è cresciuta in genere la voglia di vino come dimostrato dai dati relativi al vero e proprio risveglio dei vini comuni. Una categoria che da anni era confinata in una fetta residuale del mercato e che nei primi mesi del 2020 ha registrato il forte rimbalzo sia del vino in Brik (+8,8%) che il vero e proprio exploit del Bag in Box (il formato da due litri e mezzo con rubinetto) le cui vendite sono cresciute del 36,8%.
Trend che si sono rivelati più accentuati nelle due settimane a ridosso delle festività pasquali visto che le vendite di vino in generale sono aumentate del 10,2% mentre quelle di spumanti sono crollate del 38%.
Molto bene anche gli acquisti di vino biologico, ancora una nicchia del mercato ma che nel primo trimestre 2020 ha venduto 1 milione e 559 mila litri, con un aumento del 19%.

«Nella Distribuzione Moderna – ha spiegato il Business Insight Director di IRI, Virgilio Romano, – si è comprato più vino perché il consumo a casa ha sostituito, in parte, quello fuori casa, ma è diminuita la spensieratezza e quindi la volontà di stappare uno spumante. Da inizio anno la crescita maggiore la fanno registrare il vino IGP ed il vino comune (da tavola). Le vendite delle etichette Doc/Docg, pur sostenute, sono state frenate dal minor ventaglio degli assortimenti in particolare nei negozi più piccoli e dal minor tempo dedicato all’acquisto dovuto alle indicazioni fornite dai punti vendita di ridurre i tempi della spesa».

«La crescita degli acquisti di vino nella grande distribuzione in regime di lockdown è significativa, in particolare a volume, ma non basta a colmare il gap di domanda che si è creato con la chiusura del canale Horeca, specie per la fascia alta delle etichette – ha osservato il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani –. I dati dimostrano, inoltre, una oggettiva propensione al risparmio, specie nel mese di aprile, da parte dei consumatori in questo momento particolare in cui anche Vinitaly è al fianco del settore per favorire il rilancio attraverso il business in tutte le sue declinazioni».

Per approfondire
● Coronavirus, aumenta l’acquisto di vino online. Preferite bottiglie regionali e meno costose

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo