Arnaldo Caprai investe nelle maxi ventole antigelo «salva vigneti»

CAMBIAMENTI CLIMATICI

La ventola montata su una pala eolica permette di generare un vortice di aria che innalza la temperatura contribuendo a contrastare le gelate

di Giorgio dell’Orefice

default onloading picNebbia artificiale nei vigneti Arnaldo Caprai

La ventola montata su una pala eolica permette di generare un vortice di aria che innalza la temperatura contribuendo a contrastare le gelate

3′ di lettura

L’emergenza Covid-19 non fermerà i cambiamenti climatici ed è per questo che alcune aziende vitivinicole, chiudendo il cerchio di investimenti avviati prima della crisi, non smettono di affrontare i nodi critici emersi prima della pandemia.

È il caso ad esempio della Arnaldo Caprai, cantina umbra e vera e propria griffe del Sagrantino di Montefalco (900mila bottiglie prodotte per un giro d’affari di 6,5 milioni di euro realizzato per il 30% all’estero) che nei giorni scorsi ha presentato il proprio ultimo investimento in campo: una maxi ventola in grado di generare un vortice di aria che modifica, innalzandola, la temperatura al terreno e dando così un importante contributo a risolvere l’emergenza delle gelate nei vigneti.

«Si tratta di un problema con il quale i vignaioli hanno sempre convissuto – spiega il titolare Marco Caprai – ma che negli ultimi anni ha assunto una frequenza sconosciuta. Diciamo che mentre in passato ogni decennio si registrava in media una gelata in grado davvero di compromettere i raccolti, negli ultimi dieci anni questi eventi si sono moltiplicati e se ne contano almeno 4 con l’ultimo, quello del 2017 che dalle nostre parti ha distrutto fino al 60% del raccolto. Dovevamo correre ai ripari».

L’assist è venuto dalla misura innovazione del Psr Umbria che prevede che si possano trasferire tecnologie che non hanno avuto ancora implementazione nella regione.

Una fase dell’installazione della maxi-ventola nei vigneti Arnaldo Caprai

«Si tratta di una grande ventola – spiega Caprai – montata su una pala eolica alta però non più di una decina di metri e che è mossa da un motore con una potenza di 130 cavalli. Col freddo e con le gelate accade che l’aria fredda si stratifica a livello del suolo mentre già a 6-8 metri di altezza sia più calda. In media man mano che si va più in alto la temperatura cresce di un grado centigrado al metro. Questa grande ventola crea un vortice che spinge l’aria calda verso il basso contribuendo a innalzare la temperatura a livello del terreno, scongiurando così le gelate. La ventola funziona con un alert che la mette in moto quando la temperatura a livello del suolo scende sotto 1 grado e si spegne al raggiungimento di 5 gradi».
Ognuna di queste ventole copre una superficie di circa 60mila metri quadri, quindi 6 ettari.

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo