La carezza del Maggio Musicale Fiorentino

Musica

“Messa da Requiem” di Giuseppe Verdi in due date riservate al personale sanitario in prima linea nella lotta al Covid19 e ai familiari delle vittime

di Valeria Ronzani

default onloading pic

“Messa da Requiem” di Giuseppe Verdi in due date riservate al personale sanitario in prima linea nella lotta al Covid19 e ai familiari delle vittime

2′ di lettura

Un appello a chi ha subito un lutto a causa del Coronavirus: “Permetteteci di donarvi questa carezza, questo pensiero di conforto. Niente potrà mai annientare il dolore che avete subito, ma vogliamo almeno provare a lenirlo attraverso una musica bellissima e degli interpreti di prim’ordine. Il tutto garantendo la sicurezza al pubblico che vorrà intervenire”.

Maggio Musicale Fiorentino

Il 30 e il 31 agosto alle 21, infatti, orchestra e coro del Maggio Musicale Fiorentino eseguiranno una delle vette musicali che mente umana abbia mai potuto concepire, quella “Messa da Requiem” che Giuseppe Verdi compose nel 1874 per onorare Alessandro Manzoni, scomparso l’anno precedente.

Personale sanitario in prima linea nella lotta al Covid19

Le due date sono riservate al personale sanitario in prima linea nella lotta al Covid19 e ai familiari delle vittime. Alla Cavea del Maggio, il poetico spazio all’aperto sul tetto del nuovo teatro, col parco delle Cascine da un lato e il profilo della Cupola del Brunelleschi dall’altro.

Davvero una scalata verso il divino dopo tanta sofferenza. Un’ambientazione unica per un appuntamento musicale che si annuncia memorabile, con quattro solisti fra i più celebrati del palcoscenico internazionale: Krassimira Stoyanova, Elīna Garanča, Francesco Meli e Ferruccio Furlanetto. Già settecento sanitari hanno aderito all’appello, latitano i familiari delle vittime, difficili da contattare causa paletti della legislazione sulla privacy. Così si rinnova accorato l’invito del sovrintendente, i posti, i più belli, a titolo totalmente gratuito, ci sono, le serate saranno in massima sicurezza secondo le prescrizioni dei protocolli sanitari che il festival di Salisburgo ha già sperimentato in un mese intero di programmazione, anche al chiuso e con opere in costume. Posti distanziati e obbligo di mascherina per accedervi, poi, essendo all’aperto, la si potrà togliere.

zubin mehta – firenze novembre 2015

Coinvolti direttamente dalle loro strutture i sanitari, i familiari potranno prenotare chiamando il numero 055 2001278 (dal lunedì al sabato dalle 10 alle 18) oppure recandosi alla biglietteria del Teatro.

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo