Anno bisestile, tutta colpa della Luna

Paese che vai, Almanacco che trovi

Fin dal periodo antico dunque, per misurare il tempo e ripartirlo in
ore, giorni, settimane, mesi e anno, si ricorse al calendario, che
varia da Paese a Paese, da civiltà a civiltà, e che col passare dei secoli assunse anche il nome di Almanacco. Il calendario (dal latino calendae e calendarium), presso i Romani indicava il libro delle calende, cioè il primo giorno di ogni mese e le rispettive scadenze, nonché il libro in cui i banchieri registravano gli interessi sulle somme date a prestito che maturavano il primo giorno di ogni mese. Le calende non esistevano nel calendario greco, cosicché i Romani per indicare scherzosamente il rinvio sine die di un fatto o di un’impresa, dicevano che era rimandata alle «calende greche».
A Roma il giorno delle calende era dedicato a Giunone, mentre le idi (giorno che divide il mese in due parti quasi uguali) a Giove. Così alle calende di febbraio si celebrava la feria di Giunone Sospita; le calende di marzo erano consacrate a Giunone Lucina, nel tempio sull’Esquilino, a cui erano legate le feste Matronalia, in onore di Bruto, uccisore di Lucrezia quelle di giugno solennizzavano il tempio di Giunone Moneta, e quelle di settembre celebravano la festa di Giunone Regina sull’Aventino.
La lunga storia della civiltà umana ci ha tramandato vari tipi di calendari e di misurazione del tempo: quello cinese, quello iranico, quello persiano e quello egiziano, quelli semitici, quello greco, quello romano antico e quello della riforma giuliana e la correzione gregoriana. Ma la misurazione del tempo non esisteva solo nella cultura dei popoli antichi civili, ma anche presso le culture dei popoli cosiddetti «primitivi».

Come i popoli dividono il tempo

Presso queste popolazioni la misurazione del tempo era basata sui fenomeni naturali che compaiono a periodi regolari: maturazione dei frutti delle piante, periodi secchi e di pioggia, direzione dei venti, migrazioni degli animali, e così via. In sostanza, l’uomo primitivo (selvaggio), per suddividere con una certa precisione il tempo, ricorse principalmente al moto del Sole e della Luna, al sorgere e al tramontare degli astri, al moto circolare delle cose che lo circondavano e alla caduta
delle foglie. L’unità del computo si basava sui giorni, i mesi e l’anno. Per esempio, ancora oggi, nelle Isole Salomone, il giorno è diviso in diciassette periodi: cinque dal sorgere di Venere fino all’alba, dodici dall’alba al crepuscolo; in Groenlandia si usa dividere il giorno in base all’alta e bassa marea, mentre per individuare le ore notturne si ricorre alle costellazioni.
Presso le popolazioni dell’America del Nord, il computo del tempo non era fatto in base ai giorni, ma in base alle notti: per esempio, i Sioux del Dakota per indicare un evento accaduto tre o quattro giorni prima (caccia, cerimonia religiosa, battaglia, ecc.) usavano l’espressione: «Ho dormito da allora tre (o quattro) volte».

I pellerossa della tribù Maidu invitati a una cerimonia, ricevevano una corda con tanti nodi quanti erano i giorni mancanti a essa sciogliendo ogni giorno un nodo stabilivano il giorno della ricorrenza. Le tribù degli Oijbway conoscevano una specie di orologio solare per stabilire le ore essi piantavano un bastone conficcato per terra segnando l’ombra prodotta dal bastone: chi si recava in quel posto poteva calcolare così l’ora in cui il bastone era stato piantato. Oltre al giorno i Pellerossa segnavano anche le fasi lunari. Questo sistema, al contrario di quello per segnare il giorno, era comune a tutte le tribù, quindi la parola «mese» e «luna» erano identiche. I Klamath (Oregon) e i Timucus (Florida) chiamavano la luna: «il misuratore del tempo» oppure «l’astro lucente che indica il tempo», e lo spazio di tempo comprendente un mese era calcolato da una luna nuova all’altra la durata, precisata attraverso le fasi, permetteva anche la divisione del mese in due parti: il «tempo della luna calante» e il «tempo della luna
crescente». Contrariamente a questa divisione, gli Zuni dividevano il
mese in tre parti, gli Uroni in quattro, i Maleciti in nove.
Presso questi popoli l’anno non corrispondeva né a quello solare astronomico né a quello lunare: si trattava di anno naturale il cui inizio e fine erano fissati da fenomeni naturali, i soli ad avere importanza per la loro cultura . Diverse tribù dividevano l’anno in quattro stagioni: estate, inverno, periodo di secca e periodo di pioggia; altre, come i Cree occidentali, lo dividevano in otto. Le stagioni erano fissate seguendo quei fenomeni naturali tipici dei singoli periodi, così per i Micmac era primavera solo quando comparivano le anatre selvatiche e germogliavano le piante estate, solo quando i salmoni risalivano la corrente dei fiumi autunno, quando gli uccelli acquatici migravano dal nord al sud, inverno, quando cadeva la neve. Questo sistema empirico di fissare il tempo
era quasi generalizzato presso tutte le tribù. Ed è dal collegamento dei mesi lunari all’anno naturale che presso molti popoli nacque il ciclo dei nomi dei mesi e del calendario lunare in senso stretto e proprio. Così presso i Canciadali, i Sioux del Dakota, i Corvi e gli Cheyenne delle praterie il mese di gennaio era detto: «nella luna del ghiaccio nella tenda», febbraio: «nella luna dei vitelli rosso scuro» (…), agosto: «nella luna quando le ciliege diventano nere» o «nella luna della luce lunare», e così via.

Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo